Voi siete qui
44enne di Melfi arrestato per la morte di Antonio Beneventano Cronaca Notizie 

44enne di Melfi arrestato per la morte di Antonio Beneventano

La Polizia Stradale ha rintracciato e arrestato l’uomo che alla guida di una Fiat Punto è scappato dopo aver tamponato Antonio Beneventano, il 45enne salernitano travolto ed ucciso da un’altra auto sopraggiunta nella zona in cui s’era verificato l’incidente. In manette è finito un 44enne originario di Melfi. L’incidente si è verificato nella notte tra venerdì e sabato sull’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria nel tratto tra Campagna ed Eboli. Il giovane assicuratore, tra l’altro attivista del Movimento 5 Stelle e animalista convinto, stava tornando a casa (abitava in piazza Casalbore) quando è stato tamponato ed ha perso il controllo dell’auto. Come detto, l’uomo alla guida dell’altra vettura è scappato. Beneventano non è riuscito a rimettere in moto la sua auto ed è sceso dal veicolo. Questa mossa si è rivelata fatale. Una terza macchina, una Ford Kuga lo ha colpito e lo ha scaraventato a distanza di alcuni metri. L’impatto si è rivelato fatale per il 45enne salernitano. Alla guida dell’auto sopraggiunta c’era un uomo di Petina che ha allertato i soccorsi. Inutilmente. La salma di Beneventano è all’ospedale di Eboli, a disposizione dell’autorità giudiziaria per l’autopsia. Gli agenti della polstrada, coordinati dal comandante Quaranta, hanno impiegato poco tempo a trovare il responsabile del tamponamento ed hanno arrestato il 44enne di Melfi nei pressi di un bar, in località San Giovanni. È accusato di omissione di soccorso ed è ai domiciliari. Il conducente di Petina, invece, è il secondo indagato per l’incidente mortale che è costato la vita a Beneventano: l’accusa nei suoi confronti è di omicidio colposo. 

 

 

Related posts