Voi siete qui
Aspettando i Barbuti 2018: dal 4 al 29 luglio presso la Chiesa di Sant’Apollonia a Salerno Curiosità 

Aspettando i Barbuti 2018: dal 4 al 29 luglio presso la Chiesa di Sant’Apollonia a Salerno

 Presentata la nuova edizione di “Aspettando i Barbuti”, a cura dell’associazione culturale Scena Teatro, diretta dal regista e attore Antonello De Rosa che introduce alla storica rassegna teatrale estiva salernitana. Nel corso della conferenza stampa, stamattina, insieme a De Rosa, sono intervenuti: l’assessore alle Politiche giovanili e all’Innovazione Maria Rita Giordano, Chiara Natella di Bottega San Lazzaro. «Portiamo avanti questa rassegna – spiega De Rosa – nel solco tracciato da Peppe Natella che oltre 30 anni fa diede inizio ai Barbuti all’insegna della semplicità. Ed è quella stessa essenzialità che noi recuperiamo, puntando su un evento dedicato ai ragazzi e agli allievi che studiano e che saranno anche quest’anno alle prese con i caposaldi del teatro e della drammaturgia. Testi che, come sempre, amiamo destrutturare per intraprendere nuove strade.» Il sipario sulla rassegna, curata dal direttore organizzativo di Scena Teatro Pasquale Petrosino, si alzerà mercoledì 4 luglio su “Studio Cappelli”, spettacolo a cura degli allievi dei laboratori di Scena Teatro per la regia di Antonello De Rosa. La messinscena verrà replicata il 5. Il 12 luglio si procede con “Io e te”, dramma liberamente tratto dal “Giovanni Episcopo”, il secondo romanzo di D’Annunzio, che racconta di un uomo costretto a vivere sotto lo stesso tetto con l’amante stabile della moglie Ginevra. È un personaggio tipicamente dannunziano, che nella sua fragilità subisce e accetta per amore del figlio malato questa condizione finché, un giorno, ha uno scatto d’orgoglio e in un momento di raptus ammazza il suo rivale. Sabato 7 e domenica 8 Margherita Rago porterà in scena “Nanà: storia di una prostituta” per la regia di De Rosa. Nanà, figura leggera e incerta che si muove sulla linea sottile che divide le donne dagli uomini, è continuamente alla ricerca di sé, della sua sessualità, della sua natura di uomo, della sua verità di donna. Dal 20 al 22 luglio, verrà rappresentato lo spettacolo finale dello stage su “Antigone: il coraggio”, sempre diretto da De Rosa. La rassegna si concluderà il 28 “Cupido è malato di mente” per la regia di Ivana Giugliano e il 29 luglio con “Vesuvio contro Etna” con Fortuna Imparato e Pasquale Petrosino. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21. Scena Teatro è un’associazione culturale fondata e diretta da De Rosa, attiva con i suoi progetti dal 2006; si propone come una organizzazione autonoma e multidisciplinare per la progettazione culturale nel territorio salernitano e nazionale, con particolare riferimento alle attività teatrale come motore di sviluppo territoriale. Biglietto: 10 euro; ingresso gratuito per i disabili.

Related posts