Voi siete qui
B&B abusivi: quanto scoperto dalla Polizia Municipale è solo punta iceberg Cronaca 

B&B abusivi: quanto scoperto dalla Polizia Municipale è solo punta iceberg

Il caso dei b&b irregolari e dell’evasione delle tasse di settore scuote Salerno, dopo l’indagine della Polizia Municipale.

L’evasione della tassa di soggiorno per 450mila euro scoperta dalla Polizia Municipale è solo la punta dell’iceberg di un fenomeno che potrebbe essere molto diffuso. Ovvero la locazione totalmente in nero, anche per brevi periodi, di stanze o piccoli alloggi che sui siti specializzati in prenotazioni turistiche vengono definiti impropriamente come bed&breakfast o case vacanze.

Un universo in parte sconosciuto e sul quale una task force della polizia locale a Salerno sta cercando di fare luce. L’intento è duplice: recuperare risorse sottratte alle casse comunali e mettere in sicurezza il settore, visto che la mancata registrazione di queste attività comporta problemi seri. Non si tratta solo della tassa di soggiorno non versata, quanto di vere e proprie attività d’impresa sconosciute al fisco. Inoltre, la mancata comunicazione della lista ospiti alla Questura- prevista per legge- può significare un rischio potenziale per la pubblica incolumità.

La legge sui b&b viene aggirata con l’espediente della locazione breve, ma i risvolti negativi sono molteplici. E le irregolarità che potrebbero affiorare sono più delle 150 strutture scovate dalla Polizia Municipale ed i 450mila euro evasi anche da alberghi a 4 stelle. Gli appartamenti o le stanze affittati abusivamente potrebbero essere centinaia. Un fenomeno che turba la concorrenza ed inquina il mercato regolare, gettando un’ombra sull’espansione turistica della città di Salerno.

Related posts