Voi siete qui
Caos in Serie B, le prossime tappe della nuova telenovela del calcio italiano Sport 

Caos in Serie B, le prossime tappe della nuova telenovela del calcio italiano

Domani è in programma il Consiglio Federale della Figc nel corso del quale si discuterà anche di ciò che sta accadendo in Lega B, con la delibera emanata dal direttivo del Consiglio di Lega B che ha ratificato le retrocessioni maturate sul campo di Carpi, Padova e Foggia, a cui va ad aggiungersi quella del Palermo in seguito alla sentenza del Tribunale Federale Nazionale per irregolarità amministrative.

A margine del forum organizzato dal Corriere dello Sport, il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina ha anticipato all’agenzia Ansa uno degli argomenti su cui si soffermerà il Consiglio, esprimendo la propria opinione su ciò che è successo nelle ultime ore nel torneo cadetto e non lesinando qualche stoccata: «E’ nelle prerogative della Lega di B dare seguito alla sentenza relativa alla retrocessione del Palermo, che è esecutiva e proseguire con i play off. Una riflessione più approfondita dobbiamo farla sui play out, perché mi sembra che il Consiglio direttivo della Serie B non abbia competenza in materia. Per cui sarà questo motivo di approfondimento al prossimo consiglio federale».

Dopo il consiglio federale di domani, è attesa invece per venerdì mattina la decisione del Collegio di Garanzia del Coni sul caso Foggia, con la società dauna che auspica un’ulteriore riduzione della penalizzazione per scongiurare la retrocessione diretta in terza serie. In ogni caso la società rossonera ha preannunciato la presentazione di un ricorso contro la decisione della Lega B.

E’ pronto ad adire le vie legali anche il Palermo: «Presenteremo il ricorso alla Corte federale d’appello – ha detto l’avvocato Francesco Di Ciommo, che difende gli interessi dei siciliani –, ma anche l’istanza cautelare alla stessa corte per sospendere la sentenza di primo grado. Vogliamo ottenere la sospensione dei playoff e a quel punto la Lega dovrà rivedere le proprie decisioni. Comunicheremo alla Lega che prendiamo atto del comunicato e del nostro diritto a difenderci. Penso che la Corte federale d’appello dovrebbe accogliere la nostra istanza – ha concluso Di Ciommo –, perchè viceversa si pregiudicherebbe il nostro diritto a partecipare ai playoff e le nostre chance di ottenere la Serie A».

Related posts