Voi siete qui
A fuoco l’intera provincia: incendi ad Agropoli, Capaccio-Paestum, Albanella, Eboli e Pagliarone Cronaca 

A fuoco l’intera provincia: incendi ad Agropoli, Capaccio-Paestum, Albanella, Eboli e Pagliarone

Una notte di fuoco ad Agropoli, sulla collina di San Marco, indimenticabile per le centinaia di persone evacuate per il rischio incendi nei pressi delle loro abitazioni, ha concluso una giornata rovente che ha visto decine di roghi in tutta la provincia di Salerno.

E’ durato oltre quattro ore quello che ha devastato centinaia di ettari di vegetazione arrivando fin dentro i cortili di alcune case a Capaccio-Paestum, mentre il fumo invadeva campeggi e villaggi lungo la costa lambendo la spiaggia. Un’alta colonna di fumo era visibile dai templi, tant’è che il direttore del parco archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, ha raccontato la sua preoccupazione via Facebook: «A Poseidonia la chora brucia. I vigili del fuoco stanno intervenendo. Ho sentito il sindaco che ha attivato la protezione civile. I templi per ora sono fuori pericolo ma c’è grande preoccupazione e molto vento, che peggiora la situazione». Il peggio è stato evitato solo grazie all’incessante lavoro di soccorritori e forze dell’ordine. Le fiamme, sviluppatesi intorno a mezzogiorno a Santa Venere, spinte dal vento si sono propagate verso il mare, in direzione della frazione Linora, fino a raggiungere alcune abitazioni. Moltissime persone, tra cui villeggianti che si trovavano in campeggi, villaggi e lidi, sono state evacuate a scopo precauzionale fino a quando la situazione non è tornata alla normalità. Per sicurezza è stata chiusa al traffico la via litoranea da Agropoli fino alla Licinella. Il fuoco è stato fermato a pochi metri dal Caseificio Salati e dalla fascia pinetata.

Subito dopo, un altro spaventoso incendio si è sviluppato, anche nel comune di Albanella, dove, hanno bruciato fino a notte inoltrata, decine di ettari di area boscata. Le lingue di fuoco hanno investito e completamente distrutto un’azienda zootecnica, mettendo a serio rischio l’area dov’erano confinati decine di capi bufalini, messi in salvo dagli operai, che con l’uso di mezzi meccanici hanno cercato in tutti i modi, ma invano, di arginare la furia del fuoco che ha risalito l’intera collina, a ridosso della vasca del Consorzio di Bonifica pestano.

E ancora, è stata una giornata infernale anche a Campolongo di Eboli, dove un altro rogo ha incenerito diversi ettari di pineta mentre il fumo ha raggiunto anche l’arteria e la pista ciclabile adiacente, provocando non pochi problemi alla circolazione.

Problemi simili anche lungo la statale 18, nel tratto che collega Pontecagnano a Battipaglia, dove il fumo proveniente da un incendio di sterpaglie a Pagliarone, ha invaso la sede stradale – che per precauzione è stata interdetta alla circolazione dei veicoli, dirottati su altre strade – fino a quando i vigili del fuoco non hanno spento il rogo. 

Related posts