Voi siete qui
La storia di Salerno dalla macchina di Stefano Napoli. L’apparecchio donato al Comune Curiosità 

La storia di Salerno dalla macchina di Stefano Napoli. L’apparecchio donato al Comune

Stefano Napoli è uno degli ultimi fotografi-artigiani. Quelli della bottega e della camera oscura, delle istantanee che fissano per sempre volti e racconti, quelli che la Storia di una comunità la scrivono a scatti. Da oggi la sua macchina fotografica da studio appartiene al Comune di Salerno.

Un dono alla città in cui ha lavorato per oltre sessant’anni guardandola dal suo osservatorio di Fratte, dove tutto iniziò nel 1948. Stefano Napoli ha dovuto lasciare tutto per far posto allo svincolo della tangenziale. Del suo studio non è rimasto nulla, ma le sue foto e le sua preziosa attrezzatura raccontano ancora tanto.

Molte famiglie salernitane, in particolare quelle delle frazioni collinari, custodiscono testimonianze del suo lavoro, che ha documentato eventi pubblici ma soprattutto familiari e personali.

Dalle prime foto di battesimo a quelle del matrimonio passando per le foto tessera per la Carta di Identità realizzate con la grande macchina in ghisa “LU-PA Fotomeccanica UDINE” che sarà custodita nei locali dell’archivio storico comunale.

Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi