Voi siete qui
Lotito si candida a presidente della Lega di serie B Cronaca Notizie 

Lotito si candida a presidente della Lega di serie B

Potrebbe esserci un’altra poltrona per Lotito. Dopo quella di presidente della Lazio, di co-proprietario della Salernitana e di consigliere federale all’orizzonte ecco quella di presidente della Lega di serie B. Posto lasciato vuoto di recente da Andrea Abodi che ha partecipato alla corsa come numero uno della Figc perdendo contro Carlo Tavecchio. Nel caso dovesse essere eletto come presidente della Lega di serie B, Lotito però dovrebbe cedere le quote della Salernitana in base allo statuto vigente. La società granata dovrebbe restare tutta a Mezzaroma e in questa ipotesi potrebbero essere superati anche i problemi sulla multiproprietà nel momento in cui, come sembra molto probabile, verrà modificato il vincolo della parentela. La scelta di Lotito di candidarsi alla carica di presidente della Lega di serie B si incastra in un mosaico che va stabilire il controllo del calcio italiano. Le elezioni si terranno sabato prossimo 25 marzo, tre giorni dopo quelle della Lega di serie A e due giorni prima il consiglio federale. Se Lotito sarà eletto presidente delle società cadette potrà partecipare al primo consiglio federale del Tavecchio-bis e concorrere anche alla carica di vicepresidente vicario della Federcalcio. Evidentemente Lotito ha avuto il sentore di non essere più sostenuto dai club di serie A come consigliere federale e per restare nel “palazzo” ha pensato alla candidatura alla Lega di serie B che comunque genera già malumori. Stirpe, presidente del Frosinone, si è dimesso dal Consiglio della Lega B al termine dell’incontro di ieri abbastanza acceso. Per raccogliere consensi tra i club cadetti, Lotito ha promesso battaglia sulla mutualità che dall’anno prossimo darà meno risorse al campionato di serie B. Si preannunciano giorni caldi per il governo del calcio italiano.

Related posts