Voi siete qui
Ministro Minniti a Salerno per primarie Pd parla di integrazione e leadership Cronaca 

Ministro Minniti a Salerno per primarie Pd parla di integrazione e leadership

“Un fenomeno epocale come quello dell’immigrazione non si può subirlo, ma lo si deve governare con una visione politica che non è l’emergenza”. E’ quanto ha detto il ministro dell’Interno Marco Minniti prendendo parte a Salerno ad una manifestazione del Pd in vista delle primarie del 30 aprile prossimo. Minniti ha detto che “c’è uno spostamento notevole dall’Africa verso l’Europa e verso l’Italia”. “Una partita fondamentale – sottolinea – si gioca quindi fuori dai confini nazionali, in Africa che, per i prossimi 15 anni, sarà lo specchio dell’Europa. Se sta bene l’Africa sta bene l’Europa”. “Chi dice che c’è un nesso tra immigrazione e terrorismo dice una cosa non fondata e tecnicamente fuorviante”- dice ancora Minniti. “Se mi chiedessero – ha però aggiunto – se c’è un nesso tra mancata integrazione e terrorismo dovrei rispondere di sì. I responsabili degli attacchi in Europa sono francesi, belgi, tedeschi e svedesi che hanno acquisito la cittadinanza e dietro quegli attacchi ci sono i limiti di un’integrazione sbagliata. E’ importante accogliere e costruire gli strumenti di integrazione – precisa il ministro – altrimenti mettiamo a rischio un pezzo del presente e del futuro”. “Ma, se chi arriva non vede accolta la propria richiesta di asilo, è irregolare e va rimpatriato. Questo è un elemento cruciale per la politica di integrazione” sostiene Minniti, che poi cambia verso e si spinge sul terreno delle primarie del Pd: “Se c’è la fortuna di avere una leadership giovane e riformista, un partito che ha a cuore il suo futuro questa leadership se la tiene stretta” dice il Ministro dell’interno. “Abbiamo di fronte tempi molto complessi – conclude Minniti – e non capisco coloro che se ne sono andati quando dobbiamo affrontare queste sfide. Prima di spezzare l’unità del partito dovevano pensarci cento volte”.

Related posts