Voi siete qui
Pascalina, la pizza contro il tumore dell’istituto Pascale arriva a Salerno Curiosità 

Pascalina, la pizza contro il tumore dell’istituto Pascale arriva a Salerno

Farina di frumento tipo 1, friarielli campani o cime di rapa, pomodorini di Corbara o San Marzano, olive di Caiazzo, noci, olio extra vergine d’oliva del Cilento, aglio e peperoncino. Viene voglia di mangiarla già solo elencando gli ingredienti. Buona si penserà, ma anche sana! La pizza, del resto, è già considerata un piatto salutare, ma questa, per l’Istituto nazionale dei Tumori Fondazione Pascale di Napoli, è la pizza che fa bene al cuore e protegge dal cancro. Il suo nome è Pascalina, una pizza diventata da qualche mese un totem della lotta al tumore.

L’incontro dei titolari delle pizzerie napoletane Don Peppe con il team del reparto di oncologia chirurgica colorettale dell’Istituto Pascale, ha dato via al progetto. La tradizione dei pizzaioli napoletani e la competenza dei professionisti dell’istituto di ricerca hanno fatto nascere la pizza Pascalina, creata con ingredienti di prima qualità selezionati proprio per proteggere l’apparato cardio-vascolatorio e scongiurare le neoplasie del sistema digerente. A Napoli, le pizzerie che hanno aderite al progetto sono già 50. Ed ora la pizza Pascalina la si potrà gustare anche a Salerno.

Il quotidiano Le Cronache qualche settimana fa ha lanciato un appello ai pizzaioli salernitani. Oggi pomeriggio, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, si terrà l’incontro tra i pizzaioli che hanno aderito all’invito lanciato dalla redazione di Cronache e il direttore generale dell’Istituto Pascale, dott. Attilio Bianchi per parlare del progetto e definire i dettagli per inserire la pizza pascalina nel menu delle pizzerie che vogliono aderire all’iniziativa. Ad aver aderito finora all’appello lanciato dal quotidiano “Cronache” sono state, finora, le seguenti pizzerie: “Il giardino degli dei”, “Aniello Mansi”, “Vincenzo Mansi”, “L’angelo e il diavolo”, Osteria Serra Wenner, pizzeria “A Modo Bio”, “Pizza, Amore e Fantasia”, pizzeria “Sant’Andrea”, Osteria “Sesta Stazione”.

Related posts