Voi siete qui
Pasquale Aliberti ed altri rinviati a giudizio per scambio politico-mafioso Cronaca 

Pasquale Aliberti ed altri rinviati a giudizio per scambio politico-mafioso

Il gup Emiliana Ascoli decide di mandare a processo Pasquale Aliberti ed il fratello Nello, la moglie dell’ex sindacao di Scafati- la consigliera regionale Monica Paolino- l’ex consigliere comunale Roberto Barchiesi; Giovanni Cozzolino (che era staffista a Palazzo Mayer); Ciro Petrucci, già vice dell’Acse ed Andrea Ridosso. Affronteranno il dibattimento, ma con rito abbreviato, Gennaro e Luigi Ridosso ed Alfonso Loreto, gli elementi dell’omonimo clan con cui l’accusa ipotizza che Aliberti abbia compiuto uno scambio di tipo politico-mafioso. La decisione del giudice per l’udienza preliminare, però, ha un contenuto preciso, destinato a pesare in aula: il processo si deve fare perché non c’è un’evidenza netta a favore o a carico di Aliberti e degli altri indagati. Insomma, il quadro probatorio non sarebbe tanto solido da orientare il processo nella direzione auspicata dalla Direzione Distrettuale Antimafia; per converso, non ci sono neanche tanti elementi a discarico da far pendere la bilancia dalla parte della difesa. Il pm Montemurro e gli avvocati De Caro e Sica dovranno lavorare molto nella fase dibattimentale per dimostrare le proprie tesi. Il processo che nasce dall’operazione Sarastra potrebbe riservare delle sorprese. La tesi accusatoria è che lo scambio politico-mafioso tra l’ex sindaco di Scafati ed esponenti dei Loreto-Ridosso sia maturato nell’ambito di alcune gare d’appalto per l’affidamento di servizi e che a monte di ciò vi sia stato pure un accordo pre-elettorale in occasione delle amministrative di Scafati del 2013 e delle regionali campane del 2015, tanto da far configurare anche il reato di corruzione elettorale. Aliberti e la sua famiglia, dal primo momento, hanno respinto ogni addebito professandosi innocenti. L’ex sindaco di Scafati è agli arresti dal mese di gennaio: dopo alcuni giorni dietro le sbarre di Fuorni, è ai domiciliari nella sua casa di Roccaraso, in Abruzzo.

Related posts