Abuso minori , gip ammette il Comune di Pontecagnano come parte civile

Veniva costretta dalla madre a prostituirsi. La 12enne doveva concedersi ad un uomo di 80 anni per pochi spiccioli, spinta ad andare a casa dell’orco anche per soli 5 euro. L’ agghiacciante vicenda emerse dalle indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Battipaglia che stavano cercando di far luce su un giro di droga e si trovarono di fronte ad una triste vicenda maturata in un contesto di profondo degrado. L’intera comunità rimase profondamente turbata e la giunta municipale di Pontecagnano Faiano espresse la volontà di tutelare la piccola. Il gip del tribunale di Salerno, dopo un lungo iter, il 26 ottobre ha ammesso la costituzione di parte civile del Comune nel processo per abusi su minorenne.