Voi siete qui
Salernitana, da valutare Di Gennaro e Akpa Akpro Sport 

Salernitana, da valutare Di Gennaro e Akpa Akpro

La Salernitana è tornata al lavoro dopo la sconfitta di Venezia e mister Colantuono fa i conti con le precarie condizioni di Di Gennaro, uscito alla fine del primo tempo del match del Penzo, ed Akpa Akpro, fermo da diverso tempo ed unitosi ai lungodegenti Perticone e Bernardini. In questi primi allenamenti della settimana che porterà alla sfida di sabato con lo Spezia, il trainer granata valuterà i progressi compiuti da Rosina e Migliorini, che però difficilmente rientreranno nelle scelte del tecnico in ottica undici titolare. I granata dovrebbero affrontare il prossimo impegno con il solito assetto, reso magari più propositivo di quanto non fosse quello utilizzato in laguna visto che si tratta di una gara casalinga. A guardia della porta di Micai dovrebbero disimpegnarsi Mantovani, Schiavi e il rientrante Gigliotti. Sulle fasce potrebbero toccare a Djavan Anderson e Casasola (con Pucino e Vitale come alternative). In mezzo al campo l’inamovibile è Di Tacchio, Castiglia dovrebbe tornare tra i titolari. Se Di Gennaro non fosse recuperabile in tempo per sabato, per l’ultima maglia sono in lizza Odjer e Mazzarani, in vantaggio rispetto a Palumbo. In avanti, invece, torna tutto in discussione. Al Penzo i granata sono rimasti nuovamente a secco e questo potrebbe indurre mister Colantuono a rivedere la posizione di Bocalon. Jallow dovrebbe partire dal primo minuto. Chi giocherà col gambiano? Verrà concessa una nuova chance a Djuric? Sarà confermato Bocalon? O saranno prese in considerazione le candidature dei vari Andrè Anderson, che si è mosso bene nella mezzora in cui è stato utilizzato a Venezia, Bellomo o Vuletich, che stanno lavorando tanto pur senza trovare spazio, come Orlando? Di certo c’è che la Salernitana dovrà affrontare il prossimo impegno con un atteggiamento diverso rispetto a quello mostrato in particolare nella ripresa della sfida di Venezia dove i granata sono andati a sbattere contro il muro arancioneroverde, senza trovare soluzioni alternative.

Related posts