Voi siete qui
Salernitana, i numeri del centrocampo alla fine del girone di ritorno Sport 

Salernitana, i numeri del centrocampo alla fine del girone di ritorno

Se la Salernitana subisce troppe reti e segna così poco, la colpa è del centrocampo. E’ questo il pensiero comune degli addetti ai lavori. Sono in tanti ad aver puntato l’indice sulla mediana che pure la scorsa estate era stata segnalata come una delle più attrezzate della categoria. Gli ingaggi di elementi di qualità, come Di Gennaro, Castiglia, Mazzarani e Bellomo lasciavano presagire che la squadra granata avrebbe puntato sulla fantasia di questi elementi che, però, per problemi fisici, ritardi di condizione e difficoltà d’inserimento, non sono riusciti ad esprimere appieno il loro potenziale. Allo stesso tempo, nonostante l’ottimo avvio di stagione di Di Tacchio (uno dei migliori in termini di rendimento), i centrocampisti non sono riusciti ad assicurare il necessario filtro, esponendo spesso la difesa a situazioni di inferiorità numerica. Akpa Akpro è andato a corrente alternata, Odjer è stato frenato dai problemi fisici, Palumbo è stato utilizzato col contagocce sebbene abbia mostrato carattere. Nonostante i cambi di modulo, col centrocampo a tre, con due mastini, col rombo e il fantasista, a centrocampo quasi sempre la Salernitana ha fatto fatica.

Come dicevamo, il discorso riguarda solo in parte Di Tacchio: l’ex Avellino è stato il più impiegato, con 1550 minuti trascorsi in campo è secondo solo al portiere Micai (primo con 1620). In più Di Tacchio ha anche assicurato 3 reti, niente male per un centrocampista con mansioni prettamente di contenimento. A seguire si trova Luca Castiglia, con 1040 minuti ed un gol all’attivo: alla Pro Vercelli il ragazzo cresciuto nella Juve agiva da sottopunta, in granata gli è stato chiesto di fare la mezzala e lui ci sta provando. Di certo non è un ruba palloni e questo in termini di equilibrio lo si avverte. Terzo in questa speciale graduatoria è Akpa Akpro, finalmente in campo con una discreta continuità dopo essere stato frenato lo scorso anno da problemi a raffica. Il francese ha confermato di essere elemento di categoria superiore, ma ancora non è al top. Gli altri sono molto indietro in termini di minutaggio. Mazzarani (1 gol e 2 assist) si ferma a quota 421 minuti, Di Gennaro a 302 (0 reti e 2 assist), Odjer a 282. Palumbo non ha totalizzato nemmeno 100 minuti, Bellomo si è fermato addirittura a 10 e sembra destinato a cambiare aria assieme a Signorelli (rimasto fuori lista per tutto il girone d’andata).

Related posts