Una scelta in comune, sulla carta d’indentita la volontà per la donazione di organi

Ha preso il via dal 3 aprile scorso al Comune di Salerno, il progetto pilota “Una scelta in Comune”, la nuova modalità di dichiarazione della volontà di donazione di organi e tessuti, presentato in mattinata a Palazzo di Città. I cittadini che si presenteranno all’Ufficio Anagrafe per rinnovare o fare la carta d’identità, potranno specificare sul proprio documento se consentono o meno alla donazione di organi. «Una straordinaria campagna di civiltà» ha commentato il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli. Il progetto “Una scelta in Comune” è stato avviato in 1180 Comuni d’Italia. Al Centro Nazionale Trapianti le volontà raccolte sono state 580mila, con l’86,5% di consensi ed il 13,5% di diniego. In Campania su 500 Comuni 30 hanno aderito al progetto, con 14mila dichiarazioni di volontà raccolte da maggio 2016. Numeri rilevanti se si considera che dal 2000 ad oggi le dichiarazioni di volontà registrate dalle Asl locali sono state 25mila. «Un passo in avanti fatto con la registrazione al rinnovo della carta d’identità è un grande risultato» ha sottolineato in conferenza stampa il dott. Vincenzo Del Giudice, dirigente del Dipartimento Interaziendale Trapianti Campania. Nella nostra regione attualmente ci sono 528 pazienti in attesa del trapianto del rene, 42 in attesa di cuore, 22 di fegato. All’ospedale Ruggi di Salerno in tre settimane la scelta di 5 donatori ha salvato altrettante vite.