Sopralluogo all’Arechi, l’esordio dei granata in Coppa Italia non sembra a rischio

Si è svolto questa mattina il sopralluogo all’Arechi per verificare lo stato del manto erboso dopo il mega concerto di Tiziano Ferro dello scorso 12 di luglio. Il mega palco è stato smontato già la scorsa settimana e le protezioni apposte sul rettangolo verde dai tecnici dell’organizzazione hanno sostanzialmente protetto il rettangolo verde. Le operazioni si sono svolte alla presenza dei rappresentanti della Salernitana (c’era il segretario Rodolfo De Rose, gli agronomi del club granata e il manutentore Francesco Tanci), dell’amministrazione comunale proprietaria dello stadio (c’erano l’assessore allo Sport Angelo Caramanno e i responsabili della direzione impianti sportivi) e ovviamente i responsabili ed i tecnici della Anni ’60 Produzioni (con Alfonso Troiano in testa).

Dopo il sopralluogo di questa mattina filtra sostanziale ottimismo in vista dell’esordio nella Coppa Italia 2017/2018. Molto probabilmente, la Salernitana (diversamente da quanto accaduto l’anno scorso) potrà giocare la prima gara della manifestazione tricolore tra le mura amiche dell’Arechi. Ci sono degli interventi da fare (il cronoprogramma sarà stabilito in maniera congiunta tra i tecnici di Salernitana ed Anni ’60 Produzioni), ma già rispetto a venerdì scorso le condizioni dell’erba sono notevolmente migliorate. Nei prossimi giorni arriverà dunque anche l’ufficialità, ma quasi certamente i granata potranno giocare la prima gara di Coppa Italia in casa, davanti al pubblico amico e potendo dunque contare sul sostegno dei tifosi salernitani.