Voi siete qui
Vicenda Corisa, Coscia parla delle proposte dell’Ente d’Ambito Cronaca 

Vicenda Corisa, Coscia parla delle proposte dell’Ente d’Ambito

Sulla vicenda si pronuncia il presidente dell’Ente d’Ambito, Giovanni Coscia che si sofferma sulle proposte avanzate e rassicura i lavoratori in merito alla ricollocazione.

Continua
Corisa, lavoratori chiedono ulteriori garanzie dopo l’incontro a Napoli Cronaca 

Corisa, lavoratori chiedono ulteriori garanzie dopo l’incontro a Napoli

Dopo l’incontro a Napoli, in Regione, i lavoratori del Consorzio di Bacino Salerno 2, stamani si sono nuovamente riuniti in assemblea e chiedono di essere ricollocati al più presto. Intanto è saltato il confronto in Prefettura.

Continua
Isoambiente: 22 lavoratori assorbiti dal CoriSa/2 Cronaca 

Isoambiente: 22 lavoratori assorbiti dal CoriSa/2

22 dipendenti di Isoambiente passano al Consorzio di Bacino Sa/2. Una vittoria dei sindacati, della legge e del buon senso. Si chiude una pagina dolorosa, per i ventidue lavoratori di Isoambiente e si chiude una stagione di tensione che ha visto i sindacati impegnati in prima linea per garantire i livelli occupazionali nella società partecipata dal Consorzio di Bacino Sa/2, ma anche per denunciare tutte le anomalie nella gestione societaria, compreso il fallimento strano di Isoambiente non per debiti, ma per crediti non riscossi. Ad ogni modo, ieri si è…

Continua
Passaggio 95 operai dal Corisa2 a Salerno Pulita: a rischio altri 250 lavoratori Cronaca 

Passaggio 95 operai dal Corisa2 a Salerno Pulita: a rischio altri 250 lavoratori

In una nota al Prefetto di Salerno, al Questore, al commissario liquidatore del Corisa2, all’amministratore di Salerno Pulita, al presidente dell’ente d’ambito di Salerno, alla Regione Campania, i sindacati tornano sul tema del passaggio di cantiere di 95 lavoratori del Consorzio Bacino Sa2 in liquidazione alle dipendenze di Salerno Pulita. Questo passaggio potrebbe determinare problemi alla salvaguardia dei livelli occupazionali delle restanti unità lavorative, circa 250 persone. Per questo le organizzazioni sindacali chiedono la convocazione immediata di un tavolo di confronto con le istituzioni che dovrebbero assorbire la parte restante…

Continua