Voi siete qui
Dia sequestra lussuosa villa all’imprenditore Roberto Squecco Cronaca 

Dia sequestra lussuosa villa all’imprenditore Roberto Squecco

Una lussuosa villa del valore di almeno 800mila euro è stata sequestrata, oggi, all’imprenditore Roberto Squecco, già condannato per contiguità con il clan camorristico Marandino, attivo a Capaccio Paestum. Il provvedimento eseguito oggi dalla Dia di Salerno è stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Corte di Appello. A Roberto Squecco, imprenditore delle onoranze funebri affiliato al clan Marandino, gli uomini guidati dal ten.col. Giulio Pini hanno sequestrato una villa da 800mila euro, a Capaccio. E’ stato accolta la richiesta della Procura, in seguito alla condanna di Squecco…

Continua
Mappa del crimine in fermento nel Salernitano: ecco cosa emerge dalla relazione semestrale della DIA Cronaca 

Mappa del crimine in fermento nel Salernitano: ecco cosa emerge dalla relazione semestrale della DIA

Più che di una riorganizzazione dei vecchi clan sul territorio, la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia racconta di nuove leve che sgomitano per farsi spazio. La cosiddetta malavita di seconda generazione attrae soprattutto la fascia di giovani tra i 18 ed i 40 anni, senza arte e né parte. Figli del disagio sociale e culturale ma anche della disoccupazione che sfocia nella delinquenza. Il sintomo arriva dal Cilento, dove in assenza di clan autoctoni, attecchiscono ramificazioni di gruppi della Piana del Sele, dell’alta Calabria o dell’area Vesuviana. In alcuni…

Continua
Il direttore della DIA in visita alla Sezione Operativa di Salerno Cronaca 

Il direttore della DIA in visita alla Sezione Operativa di Salerno

Il Direttore della DIA , il Generale Giuseppe Governale, ha visitato stamane la Sezione Operativa di Salerno ed ha incontrato le autorità giudiziaria e di pubblica sicurezza della città. Con il Prefetto Francesco Russo e con il Procuratore Distrettuale Luca Masini, il generale Governale si è soffermato sulle diverse tematiche istituzionali che vedono la partecipazione sinergica della D.I.A. nel contrasto alla criminalità e sulle proiezioni della malavita locale verso altre regioni della penisola e altri Paesi europei, oltre che delineare le strategie operative da adottare per prevenire e contrastare con…

Continua
Gen. Governale, Direttore DIA, parla di mafia alla consulta studenti di Salerno Cronaca 

Gen. Governale, Direttore DIA, parla di mafia alla consulta studenti di Salerno

Una lezione portata avanti con il linguaggio semplice e diretto di chi sa ed ha vissuto. E’ un giro intorno al concetto di mafia ai giorni d’oggi, così come strutturato nella vita quotidiana dal senso comune e dall’immaginario collettivo creato ad arte dalla paura ma anche da un certo modo di narrare il tema mafioso. Il generale Giuseppe Governale, siciliano di Palermo e direttore della Direzione Investigativa Antimafia, cattura i ragazzi della Consulta provinciale degli studenti alternando passato e presente, giocando con la tecnica del flashback storico e con l’immediatezza…

Continua
Operazione Hyppocampus, aggravamento delle misure cautelari per due indagati Cronaca 

Operazione Hyppocampus, aggravamento delle misure cautelari per due indagati

Nelle prime ore del pomeriggio, a Cava dé Tirreni, il personale della Sezione Operativa della DIA di Salerno ha eseguito un provvedimento di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari, già disposti nei confronti di due indagati, tratti in arresto il 13 settembre scorso nell’ambito dell’operazione Hyppocampus  (15 provvedimenti per altrettante persone ritenute responsabili di associazione di tipo mafioso, estorsione e usura, nonché associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti). Il provvedimento, emesso oggi dal GIP preso il Tribunale di Salerno, scaturisce dalla richiesta formulata…

Continua
Scambio politico-elettorale: avviso conclusione indagini per ex vicesindaco di Cava Cronaca 

Scambio politico-elettorale: avviso conclusione indagini per ex vicesindaco di Cava

Secondo l’avviso di conclusione indagini che gli è stato notificato in queste ore, Enrico Polichetti- ex vicesindaco di Cava de’ Tirreni- per farsi eleggere alle scorse amministrative metelliane non ha disdegnato ed anzi cercato l’appoggio di personaggi contigui al crimine organizzato. La tesi dell’accusa, corroborata da accertamenti della Dia di Salerno, è che Polichetti abbia chiesto voti a Dante Zullo, figura di spicco della malavita metelliana con numerose condanne per usura ed estorsione ed attualmente detenuto. A condurre il candidato Polichetti da Zullo è Antonio Santoriello, marito di Elvira Zullo…

Continua
Processo Sarastra, la deposizione del capitano della Dia Iannaccone Cronaca 

Processo Sarastra, la deposizione del capitano della Dia Iannaccone

Ieri nell’udienza del processo Sarastra è stato ascoltato per oltre tre ore il capitano della Dia di Salerno, Stefano Iannaccone, che ha ripercorso le attività dell’indagine che vede imputati l’ex sindaco di scafati Aliberti, la moglie ed una serie di collaboratori I rapporti tra l’ex sindaco di Scafati Pasquale Aliberti e il clan Loreto-Ridosso sono stati ripercorsi in oltre tre ore di deposizione del capitano della Dia di Salerno, Stefano Iannaccone, che ha ripercorso le attività dell’indagine «Sarastra», che ipotizza un presunto scambio elettorale politico-mafioso tra l’ex sindaco di Scafati…

Continua
Dia sequestra altre due società cavesi riferibili ad Antonio Di Marino Cronaca 

Dia sequestra altre due società cavesi riferibili ad Antonio Di Marino

A Cava dé Tirreni, la Sezione Operativa della DIA di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro preventivo nei confronti di Antonio Di Marino, già destinatario di custodia cautelare il 13 settembre scorso insieme ad altri 14 indagati, ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso, estorsione e usura, nonché associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il sequestro di oggi, che riguarda un’ulteriore parte del patrimonio illecitamente accumulato da Di Marino, è il risultato delle indagini patrimoniali che hanno consentito di documentare una significativa sproporzione…

Continua
Dia sequestra un panificio a Cava de’ Tirreni: era di Antonio DI Marino, già arrestato Cronaca 

Dia sequestra un panificio a Cava de’ Tirreni: era di Antonio DI Marino, già arrestato

La direzione investigativa antimafia ha sequestrato a Cava de’ Tirreni la società “La Boutique del pane”, che produce prodotti da forno, per un valore di circa due milioni di euro. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal gip del Tribunale di Salerno, su richiesta della direzione distrettuale antimafia, dopo indagini nei confronti di Antonio Di Marino, già arrestato il 13 settembre scorso- insieme ad altre quattordici persone- per associazione di tipo mafioso, estorsione ed usura, nonché traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Il sequestro dell’attività commerciale metelliana dipende…

Continua
Pubblicata la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia Cronaca 

Pubblicata la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia

Tra gli spunti interessanti della relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia c’è senz’altro il capitolo dedicato agli appalti pubblici. E’ qui che spesso prende forma la saldatura tra potere politico e potere economico con la criminalità organizzata. Gli uomini della Dia hanno portato alla luce numerosi tentativi di infiltrazione malavitosa nelle gare pubbliche che riguardano la realizzazione di infrastrutture e gli insediamenti strategici d’interesse nazionale ma anche opere di interesse locale. Le imprese passate al setaccio sono quelle al lavoro su cantieri con importi oltre soglia: si tratta di 857…

Continua