Voi siete qui
Goletta dei Fiumi di Legambiente presenta i dati su Sarno, Sele e Tusciano Cronaca 

Goletta dei Fiumi di Legambiente presenta i dati su Sarno, Sele e Tusciano

Tre fiumi, trentatré punti di campionamento, dodici volontari coinvolti nelle attività di prelievo campioni di acqua e analisi: questi i numeri di Goletta dei fiumi della Campania un’esperienza di citizen science unica in Campania e non solo. Partendo dall’esperienza di monitoraggio del fiume Sarno, Legambiente allarga le sue iniziative anche al fiume Sele e al fiume Tusciano. Il Dossier sulla Goletta dei fiumi campani permetterà di fondare scientificamente il dibattito sui fiumi Sarno, Sele e Tusciano. Domani, a Palazzo Sant’ Agostino, nella Sala Torre, Legambiente presenta il dati frutto dei…

Continua
Ravello 2020: sessanta pagine in dossier inviato al MiBact per candidatura Cronaca 

Ravello 2020: sessanta pagine in dossier inviato al MiBact per candidatura

60 pagine di dossier, per dare corpo alla candidatura di Ravello a città della cultura 2020. Presso la Fondazione Ravello sono stati illustrati i contenuti del dossier presentato al Ministero dei Beni Culturali. Rigorosamente su carta d’Amalfi, il documento si articola in quattro capitoli che snocciolano i progetti portanti, quelli strategici, i progetti trasversali quelli puntuali che traducono in fatti le parole chiave individuate dai Sindaci come fondamentali per il futuro della Costiera: Coesione, Coinvolgimento, responsabilità sociale, Eco-sostenibilità, Formazione, tecnologia, Innovazione, Sicurezza Personale, Sicurezza Sanitaria, Sicurezza Territoriale, Trasparenza. I progetti…

Continua
Partito il progetto per “Ravello Costa D’Amalfi Capitale della Cultura 2020” Curiosità 

Partito il progetto per “Ravello Costa D’Amalfi Capitale della Cultura 2020”

Al ministero un dossier di 60 pagine ed il logo di Cargaleiro È stata celebrata in un Auditorium di Villa Rufolo gremito, la prima assemblea pubblica per la presentazione del progetto “Ravello Costa D’Amalfi Capitale della Cultura 2020”. Ad essere invitati – come deciso nella riunione dei sindaci del 2 giugno – sono stati tutti i soggetti pubblici operanti sul territorio, le associazioni e i soggetti privati portatori di interessi collettivi e di categoria. Ad esporre ai presenti “il progetto dal basso” e soprattutto le prossime tappe verso la presentazione…

Continua