Voi siete qui
Controne adotta Paestum… o almeno un pezzo della cinta muraria Curiosità 

Controne adotta Paestum… o almeno un pezzo della cinta muraria

“Anche gli angeli mangiano fagioli” era il titolo di un vecchio film che da oggi, però, può essere preso come slogan per raccontare del gesto filantropico compiuto dal comune di Controne, patria del pregiato fagiolo, in favore delle mura del Parco Archeologico di Paestum. Nelle settimane scorse il direttore del Parco Gabriel Zuchtriegel ha lanciato la campagna per l’”adozione” della cinta muraria dell’antica Posidonia, un’iniziativa che è stata subito sposata dall’amministrazione di Controne, che contribuirà in questo modo a sostenere i costi di manutenzione dell’area archeologica. Controne, attraverso il suo…

Continua
Al museo archeologico di Paestum per la mostra “Ritorno al Cilento” Cronaca 

Al museo archeologico di Paestum per la mostra “Ritorno al Cilento”

Ventitré opere in parte sconosciute, in parte molto note, con il minimo comune denominatore di appartenere alla terra del basso Salernitano, di cui costituiscono un patrimonio. Sono al centro dell’esposizione dialogante al museo archeologico nazionale di Paestum (vernissage domani, ndr), per iniziativa della Soprintendenza di Salerno e della Fondazione “Giovanni Previtali”, presieduta dall’ordinario emerito della cattedra di Cultura artistica meridionale all’università di Lecce, il prof. Francesco Abate.

Continua
Il parco archeologico di Paestum da’ in adozione le mura antiche Curiosità 

Il parco archeologico di Paestum da’ in adozione le mura antiche

Sono due tedeschi, Regine Schach von Wittenau e Uwe Schultze di Amburgo, le prime persone ad aver adottato un blocco delle mura di Paestum. Si avvia così il progetto di raccolta fondi per la manutenzione del circuito murario dell’antica Posidonia, uno dei meglio conservati in Italia. L’iniziativa del Parco archeologico – che con 50,00 euro annuali consente di diventare “cittadino di Paestum” contribuendo alla difesa del patrimonio, e godendo di benefici particolari, tra i quali l’ingresso libero per un anno – si aggiunge al progetto di crowdfunding di Legambiente chiamato…

Continua
Cane seviziato a Capaccio: il sindaco chiede giustizia. Cronaca 

Cane seviziato a Capaccio: il sindaco chiede giustizia.

«Faccio appello alle Forze dell’Ordine affinché con celerità indaghino ed assicurino alla giustizia l’autore o gli autori di questo crimine». Il primo cittadino di Capaccio Paestum condanna fermamente le violenze subite dal cane Nerone, cui ignoti hanno tagliato con un coltello i genitali lasciandolo agonizzante. Il randagio è stato soccorso prima da alcuni cittadini pestani e poi dai volontari della lega del Cane oltre che da un veterinario. Ma Voza non si è limitato solo a questo, ricordando gli strumenti messi in campo per migliorare la qualità della vita degli…

Continua