Voi siete qui
Forze dell’ordine arrestano due georgiani per furti in appartamento Cronaca 

Forze dell’ordine arrestano due georgiani per furti in appartamento

Gli agenti della squadra Mobile di Salerno hanno eseguito due decreti di fermo emessi dalla Procura di Salerno nei confronti di due georgiani ritenuti responsabili di tentata rapina aggravata e tentato furto in abitazione. Ai due stranieri si è arrivati dopo indagini scaturite da alcuni episodi di cronaca recenti, accaduti a Salerno e dopo i controlli che hanno portato- settimane fa- ad indentificare i due georgiani in possesso di arnesi per aprire o forzare serrature. Uno dei due è stato scovato mentre insieme ad un altro connazionale rubava in un’abitazione…

Continua
Dia notifica avviso conclusione indagini per bancarotta Iacp Futura Cronaca 

Dia notifica avviso conclusione indagini per bancarotta Iacp Futura

Avviso di conclusione indagini per sette persone coinvolte nella bancarotta fraudolenta di Iacp Futura. Il nucleo originario dell’indagine sulla bancarotta fraudolenta di Iacp futura si forma sette anni fa, quando la direzione distrettuale antimafia di Salerno- con il sostituto Vincenzo Montemurro- indagava imprenditori, professionisti ed esponenti politici nell’ambito di un’altra operazione, denominata “Criniera”, che interessò Pagani ed altri territori dell’agro. Tra le sette persone che hanno ricevuto l’avviso di conclusione indagini, notificato dalla Dia di Salerno guidata dal ten.col. Giulio Pini, c’è anche l’ex consigliere provinciale Massimo d’Onofrio, all’epoca dei…

Continua
Permessi di soggiorno ed indennità di assistenza indebiti: GdF scopre calderone Caf Cronaca 

Permessi di soggiorno ed indennità di assistenza indebiti: GdF scopre calderone Caf

Un sistema ben organizzato, quello scoperto dalla Guardia di Finanza per i permessi di soggiorno e le indennità di assistenza ottenuti indebitamente da una trentina di braccianti. A quanto pare c’era un vero e proprio tariffario per falsificare la documentazione utile al rilascio o rinnovo dei permessi di soggiorno: gli extracomunitari pagavano fra i 300 ed i 1500 euro ai responsabili del centro di assistenza fiscale di Montecorvino Rovella finito nella rete della Guardia di Finanza. Ma una tariffa c’era anche per i braccianti italiani che volevano godere, indebitamente, delle…

Continua
Campagna: violenze su testimone-chiave, due arresti Cronaca 

Campagna: violenze su testimone-chiave, due arresti

Massimo Cerro e Danilo D’Alterio, 46 e 40 anni, fecero di tutto per costringere un testimone a ritrattare le accuse nei loro confronti. E’ quanto ha appura la Procura di Salerno, sulla scorta delle cui indagini il gip del Tribunale ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per sequestro di persona, violenza e minaccia per costringerla a commettere un reato, il tutto con l’aggravante del metodo mafioso. I provvedimenti scaturiscono da investigazioni della compagnia Carabinieri di Eboli, avviate a marzo dello scorso anno. Cerro e D’Alterio, originari di Campagna,…

Continua
Nocera Inferiore: Mons. Giudice chiarisce posizione su vicenda giudiziaria Cronaca 

Nocera Inferiore: Mons. Giudice chiarisce posizione su vicenda giudiziaria

Mons. Giuseppe Giudice chiarisce la posizione della diocesi di Nocera sulla vicenda giudiziaria che tira in ballo anche la Curia locale per la realizzazione della casa famiglia su cui avrebbe avuto mire il boss Antonio Pignataro, in carcere insieme ad altre tre persone per ipotesi di reato che vanno dall’estorsione alla corruzione elettorale allo scambio politico-mafioso. Il vescovo di Nocera, al rientro da Lourdes, fa diramare un comunicato con cui prende le distanze da ogni forma di prevaricazione e di illegalità e chiarisce le ragioni ed i termini del suo…

Continua
Interrogatori di garanzia per il boss Pignataro ed il nipote Eboli Cronaca 

Interrogatori di garanzia per il boss Pignataro ed il nipote Eboli

Davanti al gip del tribunale di Salerno, Stefano Berni Canani, è la volta dei “pezzi grossi” dell’inchiesta denominata “un’altra storia”. Per l’interrogatorio di garanzia compaiono il boss Antonio Pignataro ed il nipote Ciro Eboli, accompagnati dai loro avvocati. Ieri è stata la volta di Carlo Bianco, ex consigliere comunale non rieletto a Nocera Inferiore, che si è avvalso della facoltà di non rispondere ai magistrati. Sarà interessante capire l’orientamento del boss Pignataro in relazione alle accuse mosse dagli inquirenti della direzione distrettuale antimafia. Come ampiamente documentato dai Carabinieri del Ros…

Continua
Il gruppo di Pignataro e quello scambio con certa politica Cronaca 

Il gruppo di Pignataro e quello scambio con certa politica

Già nel nome l’indagine che ieri ha portato all’arresto di quattro persone è tutta “un’altra storia”. A cominciare dal coinvolgimento di almeno tre gruppi criminali dell’agro nocerino sarnese e di due politici o aspiranti tali che a giugno scorso si sono candidati alle comunali ma che non sono stati eletti. La Procura di Salerno ha compulsato a lungo il gip del Tribunale perché- nonostante il periodo estivo- si procedesse con urgenza alle misure cautelari nei confronti delle quattro persone arrestate e si formalizzassero gli atti relativi alle altre venti indagate…

Continua
Omicidio D’Onofrio: indagini serrate, in attesa di una svolta Cronaca 

Omicidio D’Onofrio: indagini serrate, in attesa di una svolta

Potrebbe arrivare in qualsiasi momento la svolta nel caso dell’omicidio D’Onofrio: quel poco che trapela dagli ambienti investigativi fa intuire che una buona pista c’è per far luce sul delitto di Viale Kennedy. La cerchia degli indiziati sarebbe ristretta, una decina di persone al massimo e due in particolare sotto la lente di ingrandimento della Squadra Mobile e della Procura di Salerno. Di certo l’omicidio di Ciro D’Onofrio sarebbe maturato nell’ambiente dello spaccio di droga in cui il nipote del boss Ciro Caserta orbitava fin da ragazzo: basti pensare che…

Continua
Oggi i funerali di Ciro D’Onofrio: corsa contro il tempo per trovare gli assassini Cronaca 

Oggi i funerali di Ciro D’Onofrio: corsa contro il tempo per trovare gli assassini

Tre colpi di pistola, di cui almeno uno sicuramente fatale, tutti sparati al torace, tutti con foro di entrata ed uscita. E’ morto così Ciro D’Onofrio, sparato alle spalle molto probabilmente perché si è accorto che la persona che lo attendeva era lì per ucciderlo. Ha provato a scappare, non si è tolto il casco né ha sfilato le chiavi dal quadro di accensione del suo motorino. Ma i tre colpi lo hanno raggiunto lo stesso ed ucciso perché i vasi raggiunti hanno provocato un’emorragia fatale. Si può riassumere in…

Continua
Gdf scopre sei discariche nel Salernitano, 90 indagati Cronaca 

Gdf scopre sei discariche nel Salernitano, 90 indagati

Abusivamente avevano occupato l’area demaniale fluviale lungo l’alveo del fiume Tusciano sul territorio Salernitano dei comuni di Acerno, Montecorvino Rovella, Olevano sul Tusciano e Battipaglia. La Guardia di Finanza stamani ha eseguito 71 decreti di sequestro preventivo emessi dal gip del tribunale di Salerno. Dopo mesi di indagini i militari della sezione operativa navale delle fiamme gialle di Salerno hanno sequestrato circa 255mila metri quadrati di insediamenti abusivi. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura di Salerno, sono state individuate e sequestrate sei discariche abusive, nelle quali sono stati smaltite…

Continua