Voi siete qui
Arrestate le due persone di Positano che sequestrano e violentarono una prostituta Cronaca 

Arrestate le due persone di Positano che sequestrano e violentarono una prostituta

Giunge la condanna definitiva per le due persone di Positano -66 e 59 anni -che nel 2014 sequestrarono, violentarono e rapinarono una prostituta dell’est Europa. La Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai due imputati ed i carabinieri della stazione di Positano hanno eseguito il provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura di Salerno. Dovranno scontare rispettivamente 12 e 7 anni di reclusione. I due furono arrestati sul litorale di Campolongo per aver sedato, rapinato e tenuto sotto sequestro per una notte intera, in una mansarda di Bellizzi, una prostituta dell’est…

Continua
Omicidio Szekeres: Ferrante non risponde alle domande del gip Cronaca 

Omicidio Szekeres: Ferrante non risponde alle domande del gip

Almeno per ora non sapremo perché Carmine Ferrante abbia ucciso anche Mariana Szekeres, oltre al Nikolova Temenushka. Il muratore di Vietri sul Mare, già detenuto per l’omicidio della prostituta bulgara di Pagani, non ha risposto alle domande degli inquirenti che lo accusano dell’altro assassinio. Quello della prostituta rumena Szekeres, avvenuto a Salerno la notte fra il 30 aprile ed il 1 maggio del 2016. Due mesi dopo, in agosto, Ferrante avrebbe ucciso Temenushka nei pressi del cimitero di pagani, con modalità analoghe ed abbandonandone il cadavere (come nel primo caso)…

Continua
Assolti i due albanesi accusati dell’omicidio di Roxana Ripa Cronaca 

Assolti i due albanesi accusati dell’omicidio di Roxana Ripa

Deboli le prove a loro carico, per questo assolti dalle accuse più grave. Kadiu Ilir e Marku Kristian, i due albanesi arrestati a febbraio dai poliziotti della squadra Mobile perché ritenuti i protettori di Roxana Alina Ripa, uccisa nel dicembre del 2015, sono stati assolti dalle accuse di omicidio ed occultamento di cadavere. Il pubblico ministero Silvio Marco Guarriello, che ha coordinato le indagini, aveva chiesto 38 anni a testa, 30 per l’omicidio volontario aggravato e 8 per lo sfruttamento della prostituzione. Il giudice per l’udienza preliminare, Renata Sessa, ha…

Continua
Omicidio Gorizia Coppola: restano in carcere i due ragazzi rei-confessi Cronaca 

Omicidio Gorizia Coppola: restano in carcere i due ragazzi rei-confessi

Il gip Alfonso Scermino, del tribunale di Nocera Inferiore, ha ritenuto che non vi fosse più un concreto pericolo di fuga a carico dei due ragazzi fermati perché indiziati del delitto di Gorizia Coppola, avvenuto qualche notte fa davanti al mercato ortofrutticolo di Pagani. Ma se non è stato convalidato il fermo, il giudice per le indagini preliminari ha comunque ritenuto necessaria la detenzione in carcere per Luigi Femiano e Gennaro Avitabile, anche perché rei confessi dell’omicidio. L’accoltellatore della donna di 44 anni che si prostituiva a Pagani sarebbe Femiano,…

Continua
Due ragazzi fermati per l’omicidio della prostituta a Pagani Cronaca 

Due ragazzi fermati per l’omicidio della prostituta a Pagani

Gorizia Coppola è stata uccisa da un ragazzo appena maggiorenne, che l’ha fatta salire nella macchina dove c’era pure un suo amico di 21 anni a pochi metri da dove la donna 44enne è stata poi ritrovata agonizzante da un passante che ha allertato il 118. A mettere sulla buona strada i carabinieri del reparto operativo, guidati dal ten.col. Enrico Calandro, sarebbero state le decisive testimonianze di alcune colleghe di Gorizia. Altre donne che si prostituivano, come lei, di fronte al mercato ortofrutticolo di Pagani, praticamente terra di nessuno. Agli…

Continua
Pagani, nessuna ombra nel passato della prostituta uccisa Cronaca 

Pagani, nessuna ombra nel passato della prostituta uccisa

Aveva lavorato anche lunedì sera, ma nessuno l’ha vista allontanarsi o salire in auto con un cliente. Molto probabilmente Gorizia Coppola è stata uccisa dove è stata trovata martedì notte, a pochi passi dalla zona dove si prostituiva, a Pagani, nei pressi del mercato ortofrutticolo. Unica certezza è che stata colpita con un solo fendente al petto e lasciata agonizzante in strada. Cosa sia successo prima e chi possa averla uccisa, sono i due interrogativi che tengono impegnati i carabinieri del comando provinciale di Salerno che, diretti dal tenente colonello…

Continua
Prostituta uccisa con una coltellata al petto a Pagani Cronaca 

Prostituta uccisa con una coltellata al petto a Pagani

Una donna italiana di 44 anni è stata uccisa la scorsa notte, con una coltellata, a Pagani, in provincia di Salerno. La donna è stata trovata agonizzante da un passante nei pressi del mercato ortofrutticolo. Soccorsa dal 118, la donna è deceduta durante il trasporto in ospedale. Sul posto sono intervenuti i militari del Comando Provinciale di Salerno che stanno conducendo le indagini. Secondo i carabinieri era una prostituta. La donna, colpita mortalmente al petto con un coltello, è stata trovata da un passante. E’ arrivata però all’ospedale Umberto I…

Continua
Aggressioni ed omicidi prostitute: nell’agro numerosi precedenti Cronaca 

Aggressioni ed omicidi prostitute: nell’agro numerosi precedenti

Non si contano le aggressioni ai danni di prostitute in tutto l’agro nocerino sarnese: di qualche settimana fa è il pestaggio subito da alcune nigeriane, ma basta scorrere gli archivi per scoprire di rapine subite in casa, da parte di balordi senza scrupoli per non parlare dei casi clamorosi delle prostitute uccise a Pagani come a Nocera negli ultimi anni. Quello più recente risale allo scorso mese di agosto, quando in un terrapieno nei pressi del cimitero fu rinvenuto il cadavere di una ragazza bulgara, Nikolova Temenuzhka. Per il suo…

Continua
Prostituta uccisa a Pagani, Ferrante resta in carcere Cronaca 

Prostituta uccisa a Pagani, Ferrante resta in carcere

Nessuna riduzione della misura restrittiva per Carmine Ferrante, ritenuto l’omicida della prostituta bulgara Nikolova Temenuzhka, trovata senza vita a Pagani, nei pressi del cimitero, il 19 agosto scorso. I legali del 36enne, muratore di Vietri sul Mare, padre di tre figli, avevano fatto ricorso al Riesame per chiedere la scarcerazione ed una misura restrittiva più tenue, ma i giudici hanno respinto la richiesta. Ferrante, quindi, resta in carcere. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo la sera del 12 agosto avvicinò la donna in via Nazionale e la condusse in auto…

Continua