Sentenze pilotate in commissione tributaria regionale: i nomi degli arrestati

In un caso addirittura i funzionari infedeli della commissione tributaria regionale erano andati al ristorante con l’amministratore della società che aveva pagato per una sentenza favorevole. Bisognava festeggiare lo stralcio di un debito milionario con il fisco. Ed in quell’occasione, i due capisaldi della corruttela scoperta dalla Procura di Salerno e dalla Guardia di Finanza abbandonarono l’atteggiamento prudente utilizzato di solito, accettando l’invito a cena con chi aveva pagato la mazzetta. Giuseppe Naimoli e Salvatore Sammartino sono i dipendenti della segreteria della commissione tributaria regionale ai quali i “clienti”, ovvero…

Continua