Voi siete qui
Tangenziale: lavori a Fratte come la classica tela di Penelope Cronaca 

Tangenziale: lavori a Fratte come la classica tela di Penelope

L’illusione è durata poco. Lo spazio di pochi giorni, da quando gli automobilisti in transito a Fratte avevano notato la scomparsa dei blocchi di cemento che delimitavano il cantiere in tangenziale. Rimossi- qualcuno ha pensato- perché finalmente i lavori si avviavano al capolinea. Ed invece, l’illusione è durata niente, poiché il restringimento di carreggiata permane e l’imbuto di Fratte fa sentire tutto il suo peso sul traffico. Sembrano tornati i tempi del vecchio cantiere Visconti, bloccato per anni con il suo carico di disagi e morti per incidenti.

A Fratte, giorni fa, l’Anas aveva anche provveduto a stendere l’asfalto drenante, ma poi è tornata a fare buchi, sondaggi, verifiche sul cavalcavia. E così, viaggiare in direzione sud verso la tangenziale continua ad essere un’odissea per i pendolari, che hanno potuto tirare un sospiro di sollievo solo nel periodo delle Luci d’Artista, quando l’Anas ha chiuso il cantiere in via temporanea. Il restringimento è cosa non da poco: circa 300 metri lineari che tengono sotto scacco almeno tre Comuni: Salerno, Pellezzano e Baronissi.

A poco è valso finanche l’intervento della Prefettura. I disagi sulla viabilità a Fratte e sul raccordo Salerno–Avellino rimangono. Pare che adesso si stia operando sui giunti di dilatazione, per la tenuta elastica della struttura. La pazienza, però- quella sì- è davvero al capolinea.

Related posts