Voi siete qui
Sindacati edili a Napoli per una crisi senza fine Cronaca 

Sindacati edili a Napoli per una crisi senza fine

Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, chiedono interventi immediati

Quarantamila addetti in meno e tremila aziende scomparse. Sono i dati spietati della Cassa Edile della Campania dal 2010 ad oggi. Numeri che certificano con estrema chiarezza la crisi di un settore che stenta a riprendersi. Nonostante un lieve incremento nel primo semestre di quest’anno, i sindacati denunciano una realtà allarmante.

Mobilitazione a Napoli delle Federazioni Regionali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil per sostenere il rilancio del settore delle costruzioni. Dieci giorni fa c’era stata un’altra manifestazione a Salerno, terminata con un incontro proficuo tra le parti sociali e il presidente dell’Ance Aies di Salerno, Vincenzo Russo.

Maestranze e costruttori uniti in una battaglia difficile, che vede coinvolte migliaia di famiglie. In Campania in sei anni c’è stata una drastica contrazione di salario disponibile di oltre 240 milioni di euro.

Nel 2016 s’è registrata una flessione dei bandi di gara pari al 34% in valore assoluto e al 32% in valore economico rispetto all’anno precedente. I sindacati chiedono interventi anticiclici, dall’Agenda 2014-2020 al Patto per la Campania. Ciò per dare impulso alla filiera produttiva e all’occupazione.

Related posts