Voi siete qui
Ancora nessuna notizia dello skipper Rocco Acocella Cronaca 

Ancora nessuna notizia dello skipper Rocco Acocella

Il velista salernitano è scomparso nel Mar dei Caraibi mentre andava dalle Antille francesi alla Colombia

Ancora nessuna notizia di Rocco Acocella, il 32enne velista salernitano salpato da solo il 17 giugno dall’isola di Saint Martin, nelle Antille francesi, alla volta del porto colombiano di Barranquilla e di cui si è persa ogni traccia dal 29 giugno.

Aveva prenotato un volo il 29 dalla Colombia all’Ecuador dove aveva un ingaggio come guida turistica, ma dal giorno della partenza dal porto antillese non s’è saputo più nulla.

Il velista salernitano è a bordo di un trimarano denominato Trinavis, di 8 metri.

Più il tempo passa, più la notizia – tenuta nel riserbo dalla famiglia per qualche giorno – corre sul web. E’ stata proprio la sorella dello skipper, Elisabetta, a lanciare l’allarme sul suo profilo Facebook il 3 luglio scorso.

Da quel momento, sui social, gli appelli si sono moltiplicati, mentre cresce l’attesa, mista a speranza e disperazione, che contatti presto i suoi, che nel frattempo hanno un filo diretto con la Farnesina.

La preoccupazione più grande è rappresentata dal fatto che l’area su cui si stanno effettuando le ricerche dell’imbarcazione è molto vasta.

A bordo Acocella dispone di radio vhf, telefono e un Plb (Personal Locator Beacon: localizzatore personale di emergenza) che però non è stato attivato. Va detto che le possibilità che sia ancora in buona salute sono piuttosto elevate. In linea retta le miglia che separano St.Martin dalla Colombia sono 800 che, a una velocità media di 5 nodi, significano quasi 7 giorni di navigazione. Ma le condizioni meteorologiche della zona potrebbero aver fortemente rallentato la sua corsa, soprattutto se, anziché tagliare il Golfo dei Caraibi, Acocella avesse scelto una rotta costiera lungo le Isole Vergini fino raggiungere Grenada. E il silenzio radio in atto dal 29 potrebbe dipendere da un guasto all’impianto elettrico, all’antenna del Vhf o del telefono satellitare.

In questa fase si sta provando a essere i più ottimisti possibile, nonostante la preoccupazione ci sia», dice a nome di tutti gli amici Marco Meo, responsabile di Greenpeace Salerno. Il velista, infatti, nell’organizzazione non governativa ambientalista e pacifista è entrato a far parte molti anni fa.

Chiunque abbia informazioni utili può contattare il 349/4168047.

Related posts