Voi siete qui
Battipaglia: l’8 settembre evacuazione per brillamento ordigno bellico Cronaca Curiosità 

Battipaglia: l’8 settembre evacuazione per brillamento ordigno bellico

Il brillamento dell’ordigno bellico rinvenuto in un terreno messo a coltura, A Battipaglia, qualche settimana fa, è previsto per domenica 8 settembre. Il piano approntato dalla Prefettura di Salerno organizza un’evacuazione parziale della città, nella parte interessata dal raggio potenziale dell’onda d’urto di una eventuale esplosione. Sulla scorta della relazione fatta dagli artificieri dell’Esercito, è stato predisposto un piano per la messa in sicurezza dell’area interessata dalle operazioni di brillamento.

Si inizia all’alba di domenica 8 settembre, intorno alle 5, con l’evacuazione di circa 30mila persone, Ospedale incluso. La Protezione civile della città di Battipaglia sta facendo affiggere degli avvisi in tutte le strade e in tutti gli stabili della cosiddetta zona rossa, precisando che è obbligatorio lasciare libere case e negozi per quella giornata, pena la segnalazione alle autorità e le conseguenze sul piano penale di condotte contrarie alle disposizioni di  pubblica sicurezza.

La prima fase, ovvero l’evacuazione, avrà inizio solo ed esclusivamente alle ore 05:00 dell’8 settembre, senza possibilità di proroghe o cambiamenti, e dovrà terminare entro e non oltre le ore 08:00, orario in cui tutti i varchi di accesso alla zona rossa verranno chiusi e le persone sorprese a girovagare dentro abitazioni o in strada verranno fermate. Le zone interessate dallo sgombero saranno pattugliate in modo intenso dalle forze dell’ordine (per l’occasione, arriverà personale da tutta la Regione Campania).

Gli artificieri aspetteranno il “via libera” per procedere alle operazioni di disinnesco. Quindi prima si concluderà la fase di evacuazione e prima la sera si farà rientro nelle case. Inoltre, in tutta la zona rossa da evacuare si avrà l’interruzione di energia elettrica, acqua e gas: per chi avesse attività di ristorazione o supermercati, non sarà possibile utilizzare generatori elettrici poiché nessuno potrà rifornirli ad esaurimento del carburante.

 

Related posts