Voi siete qui
Caos in Serie B: la Figc passa la patata bollente Palermo al Coni Sport 

Caos in Serie B: la Figc passa la patata bollente Palermo al Coni

La Serie B, iniziata nel caos per la riduzione da 22 a 19 squadre, sembra destinata a terminare allo stesso modo.

Dopo il rigetto della richiesta di sospensiva da parte della Corte Federale d’Appello, il Palermo Calcio – condannato alla Serie C dal Tribunale Federale Nazionale -, ha presentato nelle notte un nuovo ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, al quale la Figc ha passato la palla, rinviando invece al prossimo 23 maggio (alle ore 14.30) la discussione del merito, ritenendo sussistenti ragioni d’urgenza.

Il pool di legali che cura gli interessi del club di Viale del Fante nella notte ha presentato ricorso al collegio di garanzia del Coni, chiamato a pronunciarsi in merito al parere chiesto ieri dal presidente della FIGC, Gabriele Gravina, a proposito della legittimità del provvedimento adottato dal consiglio di Lega Serie B di annullare la disputa dei playout.

A quanto pare è sul capitolo Foggia che si è sviluppato lo scontro più duro in sede di Consiglio federale. Le correnti di pensiero giuridiche sono due: quella sposata dalla Lega B che punta sul rispetto del merito sportivo con Foggia, Carpi e Padova retrocessi; l’altra, invece, considerando la retrocessione all’ultimo posto in classifica del Palermo, farebbe scorrere la classifica e prevederebbe la disputa dei playout. In questo caso, dunque, il Foggia dovrebbe scontrarsi con la Salernitana.

Uscendo dal consiglio federale, Claudio Lotito, reduce dai festeggiamenti per la Coppa Italia da parte della Lazio si è limitato a dire: «Bisogna parlare di diritto, in questo mondo ognuno interpreta le cose a modo proprio. I play-out? Mi occupo di altro, bisogna parlare in termini di diritto, non voglio esprimere giudizi. C’è un presidente federale, non mi risulta di aver partecipato a queste scelte».

Related posts