Voi siete qui
Cardiologia Interventistica: nuovi traguardi per l’ospedale Ruggi Cronaca 

Cardiologia Interventistica: nuovi traguardi per l’ospedale Ruggi

Un altro importante traguardo, all’ospedale Ruggi di Salerno, nell’ambito della Cardiologia Interventistica. Ieri, infatti, è stato compiuto un passo in avanti nel trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale cronica ad alto rischio di sanguinamento.

Fino a poco tempo fa, l’unica strategia percorribile era la sospensione del trattamento anticoagulante orale con i rischi conseguenziali.

Una rivoluzionaria alternativa a questa inerzia terapeutica è stata la procedura di esclusione della auricola, uno stretto budello a fondo cieco situato nell’ atrio sinistro in cui si formano i coaguli da cui si staccano i frammenti che embolizzano nella circolazione sistemica e si rendono responsabili del temibile ictus ischemico.

Tale delicata e complessa procedura si effettua per via transcatetere, e non per via chirurgica. 

Da martedì anche a Salerno è possibile garantire in questi pazienti una solida risposta mediante un trattamento che consiste nel portare, mediante appropriati cateteri, un dispositivo che chiude l’auricola ed impedisce al suo imbocco l’uscita di materiale trombotico.

La procedura è stata condotta con successo martedì mattina con la partecipazione di tutta la equipe di Cardiologia Interventistica diretta dal dottor Cesare Baldi, in sinergia con il professor Carmine Vecchione e con il dottor Alberto Gigantino, primario della Cardiologia Ospedaliera ed è stata realizzata dal  dottor AntonGiulio Maione come primo operatore, dal dottor Rodolfo Citro,  per il monitoraggio ecocardiografico, e dal dottor Massimo Simeone per la gestione dell’assistenza anestesiologica.

Related posts