Voi siete qui
Chiede mille euro per accelerare pratica di pensione: arrestato funzionario dell’Usr di Salerno Cronaca 

Chiede mille euro per accelerare pratica di pensione: arrestato funzionario dell’Usr di Salerno

Preso con le mani nel sacco, anzi nel cassetto della scrivania dove aveva appena riposto la mazzetta da mille euro chiesta ad una maestra prossima alla pensione. E’ così che è stato arrestato un funzionario in servizio a Salerno presso l’ufficio scolastico regionale. Tutto è nato dalla denuncia fatta alla Polizia da un’insegnante di scuola materna del salernitano.

Secondo il suo racconto, il funzionario del Provveditorato le aveva chiesto mille euro in contanti per accelerare e definire la pratica pensionistica in maniera certa. L’uomo, che ha 57 anni, era infatti titolare del fascicolo della maestra sul pensionamento ed il ricongiungimento delle varie posizioni contributive maturate nel corso della carriera. L’insegnante ha riferito alla Polizia di dover consegnare il danaro direttamente al funzionario.

E‘ stato a quel punto che gli agenti della Squadra Mobile di Salerno e del Commissariato di Battipaglia hanno predisposto la trappola. La donna si è presentata all’Ufficio Scolastico Regionale in Via Monticelli, chiedendo al funzionario i motivi per i quali era necessario pagare i mille euro per definire la pratica. La risposta dell’uomo è stata che i soldi erano necessari per fare un regalo ad una fantomatica terza persona di Roma, che avrebbe sbloccato la pratica velocemente.

La donna ha quindi consegnato la busta contenente i mille euro in contanti al funzionario che l’ha riposta immediatamente all’interno di un cassetto della sua scrivania, richiudendolo a chiave. Quando la maestra ha lasciato l’ufficio, gli agenti hanno fatto irruzione rinvenendo e sequestrando la busta con i soldi che, pochi attimi prima, il funzionario aveva nascosto nel cassetto della scrivania. A quel punto, è scattato l’arresto il flagranza per concussione. Il funzionario è detenuto nella casa circondariale di Fuorni, in attesa di chiarire la sua posizione nell’interrogatorio di garanzia.

Related posts