Voi siete qui
Compostaggio, i Comuni della Piana vogliono conoscere il numero degli impianti Cronaca 

Compostaggio, i Comuni della Piana vogliono conoscere il numero degli impianti

I comitati civici vogliono capire quanti impianti di compostaggio avrà la Piana del Sele. Sui quantitativi, passi in avanti in attesa di un incontro in Regione. Di certo c’è, al momento, solo la quantità di rifiuti organici che l’impianto di compostaggio al servizio della Piana del Sele dovrà trattare: non più di 35mila tonnellate annue, l’equivalente di quanto prodotto dalle realtà territoriali che rientrano nel bacino d’utenza del futuro compostaggio.

Quello che non è chiaro ancora, dalla proposta formulata dal territorio alla Regione e pronta ad essere recepita da Palazzo Santa Lucia, è il numero degli impianti previsti. Non si comprende, infatti, se rimarrà in esercizio l’attuale opificio di Eboli, già operativo da anni, nonostante la riconversione del vecchio Stir di Battipaglia in piattaforma per il trattamento dell’organico da trasformare in compost. Insomma, di sicuro ci sarebbe l’impegno a tenere bassi e sostenibili i quantitativi di immondizia, a non trasformare Battipaglia in un mega-impianto per attirare l’immondizia organica di tutta la Provincia. Ma sul numero degli impianti, se saranno due o uno soltanto, poco si è capito.

Probabilmente il nodo si scioglierà quando il vicepresidente della giunta regionale con delega all’Ambiente, Fulvio Bonavitacola, incontrerà i cittadini, i sindaci del territorio, ma anche la Provincia, l’Arpac e la società di gestione dello Stir, Ecoambiente. L’idea è quella di costituire un ambito ritretto ai Comuni della Piana del Sele, come sotto-articolazione dell’ATO provincia di Salerno e far rientrare in questo sub-ambito la parte di gestione dei rifiuti che riguarderà l’impianto di compostaggio per non più di 35mila tonnellate all’anno. Una soluzione che già soddisfa i sindaci di Bellizzi e Battipaglia e che potrebbe incontrare altri consensi istituzionali, mentre i comitati civici rimangono prudenti in attesa di comprendere quali siano i punti della proposta, nero su bianco.

Related posts