Voi siete qui
Consorzio di Bacino Salerno, futuro lavoratori dipende da prossimi incontri Cronaca 

Consorzio di Bacino Salerno, futuro lavoratori dipende da prossimi incontri

Sono ore, giorni di trepidante attesa per i 42 lavoratori del Consorzio di Bacino Salerno 2. Da inizio mese sono stati messi in ferie d’ufficio perché sono terminati gli accordi per i servizi svolti dal Consorzio nella raccolta dei rifiuti. Per evitare l’attivazione dello stato di disponibilità, che poteva essere l’anticamera del licenziamento, sono scattate le ferie fino al 15 maggio. È chiaramente questa una fase di stallo, in attesa degli sviluppi di una vicenda che va avanti da circa due anni.

Dopodomani, venerdì 10 maggio, è in programma un incontro a Palazzo Santa Lucia a Napoli. Ci sarà il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola. Con lui i rappresentanti dei Consorzi di Bacino Salerno 2, 3 e 4 e dell’ente d’ambito. Ci saranno ovviamente anche i rappresentanti sindacali unitari. Mercoledì prossimo, 15 maggio, si svolgerà invece una riunione in prefettura.

Due tappe che potrebbero essere fondamentali per il futuro di circa 130 lavoratori, contando i tre Consorzi di Bacino Salerno 2, 3 e 4, in attesa di ricollocazione. La legge regionale sui rifiuti prevede che vengano assorbiti dai comuni della provincia di Salerno rientranti nel Consorzio. Ciò, però, è avvenuto solo in parte. Ecco perché, esasperati da una situazione precaria che si trascina da troppo tempo, i 42 lavoratori bel Bacino Salerno 2 la settimana scorsa sono saliti sul tetto della sede del Consorzio per protestare in maniera forte. Ora sperano che dai prossimi due incontri in Regione Campania e in Prefettura a Salerno possano arrivare notizie positive.

Related posts