Voi siete qui
Consorzio Farmacie, stato di agitazione del personale Cronaca 

Consorzio Farmacie, stato di agitazione del personale

Dopo settimane, mesi di inutili tentativi di dialogo con l’amministrazione, il personale del Consorzio Farmaceutico Intercomunale entra in stato di agitazione. Un passaggio quasi inevitabile alla luce del clima di tensione esistente da tempo tra le parti. Per Cgil, Cisl, Uil e Rsu emerge una forte esigenza di porre in essere un’immediata mobilitazione che evidenzi la gravissima situazione che si registra ormai da molto tempo nelle farmacie del Consorzio. Tutto ciò, si legge nella nota firmata dai segretari provinciali dei sindacati Capezzuto, Antonacchio e Salvato, a causa dell’incomprensibile comportamento adottato dalla Direzione e dal Consiglio di Amministrazione.

Lo stato di agitazione verte su vari aspetti. Innanzitutto sui comportamenti reiterati volti a determinare un ambiente lavorativo in assenza di condizioni di benessere fisico e psicologico dei lavoratori. Fattori che incidono negativamente sulla qualità della vita e sulle prestazioni dei lavoratori. Ci sono poi oltre 60 contestazioni di addebito, di varia natura, a parere spesso di natura pretestuosa che hanno procurato ulteriore danno di natura psicologica ed economica ai lavoratori. Da parte del Datore di lavoro le spese relative sono invece a carico del Consorzio.

I sindacati evidenziano che ci sono oltre 40 dipendenti soggetti a punizioni disciplinari e pure le continue trattenute indebite effettuate sullo stipendio dei lavoratori senza alcuna contestazione. Inoltre viene denunciata l’assenza di condizioni che garantiscano la sicurezza dei singoli lavoratori, in particolare negli interventi di reperibilità.

La decisione di proclamare lo stato di agitazione scaturisce dagli infruttuosi ed innumerevoli tentativi risolutivi evidenziati in numerose note ed incontri. Ora c’è la richiesta della procedura di raffreddamento del conflitto, al fine di ristabilire condizioni lavorative accettabili e di instaurare un necessario clima di distensione all’interno del Consorzio Farmaceutico.

Related posts