Voi siete qui
Contrasto al lavoro nero, nei guai due cooperative cilentane Cronaca 

Contrasto al lavoro nero, nei guai due cooperative cilentane

I Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno scoperto due cooperative, ad Agropoli e Casal Velino, che impiegavano lavoratori “in nero” oppure con contratti di assunzione irregolari.

La cooperativa agropolese, aggiudicataria del contratto di appalto per il servizio di salvamento sia lungo le spiagge libere del Comune cilentano, impiegava bagnini, per lo più studenti universitari con il brevetto di salvataggio, sottoponendoli a turni di lavoro molto pesanti, in alcuni casi anche di 50 ore settimanali, a fronte di una busta paga rilasciata mediamente per 20 ore settimanali. Inoltre, non venivano loro garantite le ferie ed i riposi previsti dal contratto di categoria. Dei 35 lavoratori controllati, ben 5 sono risultati completamente in nero.

A Marina di Casal Velino, invece, nei guai è finita una cooperativa sociale dedita all’assistenza agli anziani, anch’essa con un numero molto ridotto di lavoratori formalmente assunti. La cooperativa si avvaleva di figure “socio volontario”, alle quali “formalmente” veniva corrisposto un semplice rimborso spese, ma che in realtà ricevevano pagamenti in contanti.

Related posts