Voi siete qui
Coronavirus, De Luca: “Non cadere in forme di psicosi” Cronaca 

Coronavirus, De Luca: “Non cadere in forme di psicosi”

“Non cadere in forme di psicosi, visto che ad oggi in Campania non ci sono contagiati accertati. Non esiste, quindi, un’emergenza in Campania” anche se la Regione è “pronta con un Piano B e un Piano C”. Così il governatore, Vincenzo De Luca, incontrando i giornalisti al termine di un vertice tecnico a Palazzo Santa Lucia sull’emergenza Coronavirus.

“Stiamo preparando delle linee guida per cercare di dare un orientamento omogeneo in tutte le realtà – ha detto ancora – Il massimo livello di attenzione è stato messo in campo con misure proporzionate alla situazione attuale. Dovremmo avere tutti un grande senso di responsabilità e di spirito nazionale. La linea che abbiamo seguito non è propagandistica e non è distratta, ma fondata sulla base della ragione e della ragionevolezza”.

Da parte del governatore, dunque raccomandazioni più che precauzioni: “Chiediamo di non ingolfare il numero verde relativo al Coronavirus. Nei casi sospetti e nelle richieste di accertamento bisogna rivolgersi al 118 o ai medici di medicina generale, non al numero verde – l’800.90.96.99, aperto una ventina di giorni fa e attivo 24h su 24h – che fornisce “informazioni” e che non può aiutare in caso di sospettato contagio”.

Con il Cotugno siamo grado nel giro di poche ore di fare i campioni (almeno un centinaio al giorno), e avere nel giro di due ore il risultato. A valle si procede con attenzione  ma senza alimentare un clima immotivato di psicosi. Questo sarà contenuto nelle linee guida che diffonderemo a breve. Anche l’Ospedale “San Paolo” si Napoli, il “Moscati” di Avellino, il “San Sebastiano” di Caserta, il “Ruggi” di Salerno nelle prossime ore saranno attrezzato a eseguire i tamponi di verifica per il Coronavirus”.

Al momento sono disponibili 200 posti letto in reparti di Malattie infettive non solo al Cotugno di Napoli, ma anche in altri presidi ospedalieri regionali e si sta lavorando per attrezzare, eventualmente, anche caserme da “destinare a spazi nei quali ospitare, in quarantena, eventuali pazienti che dovrebbero averne bisogno. Con la Protezione civile stiamo preparando anche il Piano B e il Piano C, ma oggi questo non è un problema di attualità. Si chiederà inoltre a chi deve recarsi al pronto soccorso di andare “accompagnati da un solo parente per evitare effetti moltiplicativi” in caso di contagio”.

 

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, la Regione ha deciso di non dotare il personale di mascherine o di disinfettanti “perché, altrimenti, dovremmo farlo per tutta l’Italia”. “Occorre muoverci con ragionevolezza. Le precauzioni saranno al massimo livello per i pronto soccorso e per chi dovrà eseguire gli accertamenti clinici. Occorre andare avanti con grande tranquillità”, ha evidenziato De Luca sottolineando che con il governo e il ministero della Salute si lavora “con spirito di collaborazione”.

Ai sindaci, De Luca chiede di non procedere alla chiusura delle scuole: “chiaramente sono linee guida e non atti autoritativi, comunicateci – aggiunge il governatore – immediatamente le situazioni o i casi sospetti.

Domani, Napoli-Barcellona, gara di Champions, “si gioca regolarmente”. “In ogni caso – aggiunge il presidente della Regione – sono in via definizione delle linee guida regionali per Asl e Comuni. Ci vuole grande senso di responsabilità e spirito nazionale. Siamo attentissimi, non distratti, ma sulla base della ragionevolezza”.

Per De Luca, in certe situazioni, “si sta andando anche oltre quello che è ragionevole. Si comprende la preoccupazione”, ma con il metodo di lavoro che si sta individuando si evitano “drammatizzazioni inutili” e si “avranno risultati”. “Massima prudenza, ma collaborazione utile per avere certezze e non dubbi, altrimenti dovremmo chiudere l’Italia”, ha concluso.

Coronavirus, niente allarmismi

Nessun caso di contagio da coronavirus in campania, in regione si lavora senza soste, in sinergia con il governo e il ministero della salute…

Pubblicato da Liratv su Martedì 25 febbraio 2020

Related posts