Voi siete qui
D’Auria e Losasso, due rinforzi di spessore per la Salerno Guiscards Sport 

D’Auria e Losasso, due rinforzi di spessore per la Salerno Guiscards

L’attacco in primo tempo è una delle giocate più belle e rappresentative della pallavolo: la velocità, la forza, il sincronismo, l’intesa, sono alla base di questa soluzione tattica fondamentale di cui protagoniste sono la palleggiatrice e la centrale. La Salerno Guiscards, in tal senso, ha scelto di affidarsi a due giocatrici esperte, affidabili e di indubbio valore. Laura D’Auria e Roberta Losasso sono i due nuovi colpi di mercato ufficializzati dalla polisportiva del presidente Pino D’Andrea.

«Il mio schema preferito? Sicuramente il gioco al centro – così si presenta la nuova regista della Salerno Guiscards –, è la cosa che mi riesce anche più facile». Classe 1988, Laura D’Auria inizia a giocare a Mercato San Severino nelle giovanili della Rota Volley, con cui vince il titolo regionale under 18 ed esordisce in serie D. Poi dopo due stagioni al Cs Pastena in C, indossa per due anni, intervallati da una stagione in serie B1 alla Rota Volley, la maglia della Royal Salerno. Dopo la promozione in C ottenuta con la Pessy e l’esperienza a San Giorgio del Sannio, ecco il ritorno a casa: «La cosa bella dell’essere la regista della squadra è di poter decidere il gioco, chi far attaccare; al tempo stesso però quando qualcuno sbaglia un attacco è anche colpa della palleggiatrice, che può sbagliare il palleggio oppure la scelta».

Pronta a mettere a terra i palloni alzati da Laura D’Auria c’è Roberta Losasso. Classe 1985, la centrale della Salerno Guiscards non ha certo bisogno di presentazioni. Dopo gli inizi nella Salernitana Volley, le esperienze in B2 proprio con la Salernitana Volley e la Scuola Volley, la lunga esperienza alla Royal, prima delle avventure biennali prima alla Pessy e poi all’Indomita: «Al mio venticinquesimo anno di pallavolo sono entusiasta di iniziare una nuova avventura. Conosco bene il presidente D’Andrea, quando mi ha chiamato sono stata subito ben contenta di accettare e tornare alla base, visto che mi piace lo spirito con cui lui organizza le squadre». Losasso per il terzo anno consecutivo sarà a disposizione di coach Tescione, con cui, specialmente nella scorsa stagione, ha ritrovato un rendimento altissimo che l’ha portata ad essere una delle migliori centrali della categoria: «Ci troviamo molto bene insieme – conferma Losasso –. Il centrale è un ruolo particolare, quasi sacrificato, ma la cosa che mi piace è che lui spinge molto per il gioco al centro e ci tiene molto al rapporto centrale-palleggiatrice. Con coach Tescione sono davvero cresciuta in questi due anni sia in attacco sia a muro».

Related posts