Voi siete qui
Economia, la Campania cresce… ma alcuni settori sono ancora in crisi Cronaca 

Economia, la Campania cresce… ma alcuni settori sono ancora in crisi

Nel 2016 l’attività economica in Campania è cresciuta, grazie all’espansione della domanda interna, in particolare dei consumi, e di quella estera. Lo scrive la Banca d’Italia nel suo rapporto annuale.

Ma la crescita non è omogenea: se il commercio internazionale è trainato dalle vendite all’estero del comparto agroalimentare (che costituiscono un terzo delle esportazioni regionali) il valore aggiunto delle costruzioni e delle opere pubbliche si è, invece, contratto. Il settore, sottolinea Bankitalia, risente sia delle difficoltà di avvio del ciclo di programmazione 2014-2020 sia di quelle di adeguamento alle norme previste dal nuovo codice degli appalti. Il comparto dei servizi è in ripresa, il turismo internazionale registra andamenti particolarmente favorevoli. Si è rafforzata l’espansione dei prestiti alle imprese che tuttavia continua a interessare esclusivamente i finanziamenti a quelle con livelli contenuti di rischio.

E’ proseguita l’espansione dei livelli occupazionali, diffusa tra le principali fasce di età . Hanno beneficiato maggiormente della crescita i lavoratori più anziani e quelli in possesso di diploma o laurea. Circa il 60 per cento di coloro che perdono il lavoro lo ritrovano entro tre anni, (sebbene i tempi di riassunzione siano più brevi per i lavoratori con più di 35 anni e i laureati).

In crescita i consumi, anche se la distribuzione del reddito nella regione si caratterizza però per una maggiore polarizzazione rispetto al resto d’Italia: la percentuale delle persone che versano in condizioni di povertà assoluta assume valori superiori alla media nazionale. Le favorevoli condizioni di accesso al credito e il livello dei prezzi ancora contenuto hanno sostenuto la ripresa delle transazioni degli immobili residenziali. Le erogazioni di mutui sono ancora in crescita, anche al netto delle operazioni di surroghe e sostituzioni.

Le Amministrazioni pubbliche locali sono impegnate nella stabilizzazione della spesa per il personale e nella riduzione dei debiti verso il settore privato, perseguita con l’utilizzo della leva fiscale e il ricorso a prestiti concessi dal Ministero dell’Economia e delle finanze. Si è consolidato l’equilibrio finanziario nella gestione sanitaria. “Il sistema economico campano, secondo i dati della Banca d’Italia, mostra nel suo complesso un’ulteriore significativa crescita nel 2016 rispetto all’anno precedente. – ha dichiarato l’assessore alle Attività produttive di regione Campania, Amedeo Lepore – Si prevede, altresì¬, un rafforzamento del fatturato e degli investimenti delle imprese nel 2017, oltre che una intensificazione dell’accumulazione di capitale, grazie agli incentivi per le attività  dell’Industria 4.0″

https://www.youtube.com/watch?v=9aOB5gsNCT0

Related posts