Voi siete qui
Emergenza freddo: rete dell’accoglienza in stazioni e dormitori Cronaca 

Emergenza freddo: rete dell’accoglienza in stazioni e dormitori

Temperature polari ed allerta di protezione civile nel Salernitano. Nevicate a quote basse e rete d’accoglienza per i senzatetto.

Come da bollettino della protezione civile, le temperature in picchiata hanno spinto ad emanare un’allerta fino alla mezzanotte di oggi. La colonnina di mercurio prossima allo zero ha convinto molti Comuni ad aprire le stazioni ai senzatetto o a potenziare la rete dell’accoglienza nei dormitori.

A Salerno città, su iniziativa del Settore Politiche Sociali, il Tavolo di coordinamento per la gestione dei senza fissa dimora in emergenza freddo ha garantito il massimo supporto a chi ha avuto bisogno di un ricovero notturno. Rimangono aperte tre strutture con posti letto: la Don Tonino Bello a Piazza San Francesco, quella dei Padri Saveriani in Via Panoramica e da ultima la postazione dei Barbuti, nel centro storico.

Per venire incontro a chi non ha voluto recarsi presso queste strutture, grazie al supporto di Salerno Mobilità e della Protezione Civile, resta aperta tutte le sere fino alla fine dell’emergenza freddo la Metropolitana di Torrione. Garantito anche il trasferimento delle persone che ne abbiano necessità presso le strutture di ospitalità. Cibo e bevande calde sono a cura delle numerose associazioni di volontariato che si occupano di unità di strada.

Sul resto del Salernitano è arrivata anche la neve: nelle aree interne ed in particolare sui monti dei picentini. Nell’avviso d’allerta si evidenziano possibili precipitazioni nevose oltre i 300-500m. Venti localmente forti. Clima rigido e temperature invernali, per via dell’irruzione da nordest di una perturbazione polare.

 

 

Related posts