Voi siete qui
Fiera del Crocifisso Ritrovato, ultimi preparativi Curiosità 

Fiera del Crocifisso Ritrovato, ultimi preparativi

Fervono i preparativi per la XXIX Fiera del Crocifisso Ritrovato, che da domenica 28 aprile, fino al primo maggio, trasformerà il centro storico di Salerno in un antico borgo medievale. “La città e i mercanti”: questo lo slogan dell’ edizione 2019 dell’evento, organizzato dalla Bottega San Lazzaro con il Comune di Salerno, la Coldiretti, gli enti e i partner che supportano la manifestazione ormai attestata tra le maggiori fiere medievali d’Italia.

Durante i quattro giorni della kermesse, nei vicoli e nelle piazze della parte antica della città si faranno rivivere la cultura, le tradizioni, i cibi, i giochi, i profumi, i colori, gli abiti e le atmosfere del mondo medievale. La manifestazione, ideata da Peppe Natella, ha superato un quarto di secolo facendo registrare ad ogni edizione numeri da record in termini di presenze. Nel nome del suo ideatore, la Fiera continua con la direzione organizzativa della figlia Chiara e dell’intera famiglia Natella. Sarà un vero e proprio tuffo nel passato tra mercati medievali, rievocazioni storiche, attrazioni, artigianato, degustazioni, mostre, momenti di spettacolo e monumenti aperti. Diversi i siti del centro storico interessati, centinaia gli artisti di strada: per ricreare il clima medievale ci saranno menestrelli, saltimbanchi, giocolieri, trampolieri, mangiafuoco, giullari, cantastorie, artisti di strada, statue viventi.

La prima novità della Fiera del Crocifisso 2019 riguarda proprio piazza Portanova, al centro della quale verrà allestita una grande infiorata con protagoniste soprattutto le calendule, i fiori tipici dell’antica Scuola Medica Salernitana. L’iniziativa è organizzata con la Coldiretti Salerno. L’Infiorata sarà realizzata dai Maestri Infioratori di Ogliara di Salerno.

Altra grande novità, di forte valore didattico, è la “Fattoria degli animali”, che verrà allestita in piazza Sant’Agostino, in collaborazione sempre con Coldiretti Salerno: ci saranno conigli, galline ovaiole, poi maialini, bufalotti, agnellini e vitellini. A testimonianza della bontà della manifestazione, ha aderito anche il WWF Italia, presente con uno stand in piazza. Intanto, in questi giorni, fervono le prove d’abito per i negozianti che hanno scelto di servire i propri clienti nei giorni della Fiera in abiti d’epoca. Ritorna anche il concorso di vetrine artistiche “Una vetrina per Barliario. Il premio per la vetrina più bella sarà un’opera ceramica originale del maestro Nello Ferrigno, una testa-vaso che raffigura la regina Sichelgaita, moglie di Roberto il Guiscardo.

Related posts