Voi siete qui
Gite in montagna, i 10 consigli dell’Uncem Cronaca 

Gite in montagna, i 10 consigli dell’Uncem

In questi giorni di festa sono frequenti le gite fuori porta. Numerose famiglie decidono così di trascorrere insieme momenti spensierati all’aria aperta. In vista del 25 aprile e del 1° maggio arriva il decalogo dell’Uncem per muoversi al meglio in montagna. Dieci regole per godere appieno della natura nel rispetto degli altri e dell’ambiente.

1. Non portare tutto da casa, così puoi aiutare il sistema economico locale. Anche nei giorni festivi, si trova sempre un negozio di alimentari aperto.
2. Scopri sempre, nel borgo dove arrivi, i beni architettonici e le ricchezze da visitare. Porta i bambini e la famiglia ad ammirali.
3. Se scegli un prato per un pic-nic, non abbandonare i residui di una grigliata nei boschi e non accendere fuochi se non nelle aree attrezzate.

4. Porta a casa i tuoi rifiuti, differenziandoli. Non usare la plastica ma piatti di materiale biodegradabile.
5. Se ti trovi in un’area attrezzata, paga volentieri (se esiste) un piccolo ticket. Pochi euro possono servire al gestore per mantenere la zona naturale.
6. Vai piano sulle strade. Nei giorni di festa ci sono molti veicoli e le strade di montagna vanno affrontate con cautela.
7. Se sulla strada incontri gruppi di ciclisti che sono affaticati non suonare il clacson e sorpassali con massima attenzione.

8. Quando arrivi in un paese o in un borgo scopri la comunità e scambia qualche parola con le persone per strada.
9. Se ti sei trovato bene in quel borgo, se hai qualche suggerimento o indicazione scrivi al Sindaco. Un’idea può essere sempre utile.
10. Torna in quel posto oppure cambia versante, non ci sono regole. L’importante è scegliere la montagna e sapere che anche le città sarebbero più fragili senza la montagna.

Related posts