Voi siete qui
Il Benevento espugna Perugia, ora è terzo Sport 

Il Benevento espugna Perugia, ora è terzo

Il Benevento vince una gara emozionante sul campo del Perugia e sale momentaneamente al terzo posto in classifica. Col successo ottenuto al Curi, il team caro al patron Vigorito mette una seria ipoteca sulla qualificazione ai play off. In casa dei grifoni i sanniti vanno in vantaggio, si fanno raggiungere e poi superare, quindi rimontano e si impongono nel finale in volata, dando una dimostrazione di forza notevole. I giallorossi, però, si confermano estremamente fragili.

La partita si accende subito: al 7′ Coda entra in area, Sgarbi intercetta con la mano. Calcio di rigore che viene trasformato da Viola. Al 9′ però arriva la replica immediata del Perugia: Verre conclude da fuori, Montipò non trattiene, irrompe Han che insacca, 1-1. Il Perugia, al 12′, passa anche in vantaggio: sugli sviluppi di un angolo di Dragomir, Han prolunga di tacco per Sadiq che insacca sotto misura, 2-1. E’ la volta della replica del Benevento che arriva al 18′: punizione di Viola, palla che subisce una serie di deviazioni prima di arrivare a Caldirola che batte Gabriel, 2-2. Prima dell’intervallo ci provano ancora Coda e Han, prima della nuova rete del Benevento. Gli ospiti passano in vantaggio al 44′: Ricci tocca per Coda che dal limite scocca un tiro ad incrociare, 2-3.

Nella ripresa, al 10′ il primo a provarci è Improta, che guadagna solo un corner. Al 17′ ci vuole un miracolo di Gabriel per neutralizzare la conclusione a botta sicura di Coda; sugli sviluppi dell’angolo che ne consegue, Caldirola di testa sfiora il bersaglio grosso. Al 21′ l’occasionissima per il pareggio: Sadiq supera il portiere avversario Montipò, arriva Verre che gli soffia palla, ma la sua conclusione impatta sul palo. Il poker del Benevento arriva al 28′: Gyomber commette fallo su Buonaiuto in area, calcio di rigore trasformato da Viola. Nel finale, il Perugia prova a riaprirla con Sadiq e Vido, senza esito, così come dall’altra parte Coda (43′) che dà solo l’illusione del gol. Nel finale, la traversa colpita da Buonaiuto conclude la girandola delle emozioni.

Related posts