Voi siete qui
Neve a Salerno, disagi in provincia Cronaca 

Neve a Salerno, disagi in provincia

Salerno si risveglia imbiancata. L’attesa nevicata notturna c’è stata, anche se meno copiosa, rispetto allo scorso anno, quando, a fine febbraio, la città si ritrovò totalmente coperta, ricreando uno scenario anomalo e sorprendente. Così come annunciato dai bollettini della protezione civile e dalle previsioni delle ultime ore, il 2019 ha portato con se’ freddo, gelo e neve. Le precipitazioni si sono registrate soprattutto durante la notte ed alle prime luci dell’alba quando le temperature sono scese ulteriormente. A Salerno la neve si è posata, anche se per poco, com’era accaduto in occasione del Capodanno di due anni fa, a cavallo tra il 2016 ed il 2017. Paesaggi imbiancati soprattutto nelle frazioni alte, ma anche al centro il risveglio è stato sorprendente e pure il manto erboso dello stadio Vestuti stamani si presentava coperto di neve. Precipitazioni più abbondanti in provincia. Alcune località dell’entroterra si sono risvegliate sotto diversi strati di neve: è il caso di Colliano, totalmente innevata, ma anche di altre città nella provincia a Sud di Salerno. Pure l’autostrada del Mediterraneo stamani si è presentata particolarmente imbiancata ed ha creato parecchi disagi agli automobilisti. Nevicate abbondanti nella valle dell’Irno. L’Università degli Studi di Salerno è stata chiusa stamani e le attività sono state sospese, sia al campus di Fisciano, sia a quello di Baronissi, a causa della situazione di emergenza meteo in atto.
Neve e gelo hanno avuto come conseguenza vari disagi, non solo legati alla viabilità. Già da diverse ore, la macchina della solidarietà si è messa in moto per fornire assistenza ai senzatetto ed ai clochard. Il Comune di Salerno sta lavorando di concerto con le associazioni di volontariato e la Croce rossa. Sul territorio sono disponibili, circa ottanta posti letto nei tre dormitori presenti a Salerno e un servizio a domicilio di pasti caldi. La rete di volontari, inoltre, é sempre attiva con le unità di strada, l’organizzazione di servizi mensa e medici e medicine necessarie per garantire cure di base.

Related posts