Voi siete qui
Ospedale Ruggi: pressing per capire gestione emergenza coronavirus Cronaca 

Ospedale Ruggi: pressing per capire gestione emergenza coronavirus

È il tribunale del diritto del malato ad esprimere preoccupazioni – in una nota- su «probabili improvvisazioni, panico da parte di operatori sanitari e cittadini» che potrebbero derivare dalla gestione dell’allarme coronavirus, l’infezione di origine cinese che rischia di diventare pandemia e che ha attivato protocolli speciali in tutto il mondo come per il caso dell’aviaria.

Per il Tribunale del diritto del malato le possibili disfunzioni, in Ospedale a Salerno, «si possono prevenire adottando in tempi utili ed in trasparenza misure di organizzazione, formazione ed informazione» che al momento non ci sarebbero. Anche «al fine di tutelare i cittadini e gli stessi operatori», il tribunale del diritto che malato chiede «che vengano diffuse e rese operative le linee guida che saranno illustrate presso lo Spallanzani; che vengano adottati con urgenza tutti gli strumenti per incrementare i posti letto del reparto di malattie infettive e completate le due stanze a pressione negativa; che vengano individuati in modo chiaro i percorsi dal pronto soccorso ai posti letto o la tipologia di presidi di tutela individuale che devono essere utilizzati dagli operatori; infine, che vengano immediatamente utilizzati strumenti di reclutamento veloce di personale infermieristico e di supporto e medico necessario a gestire in sicurezza» eventuali casi di coronavirus.

È del tutto evidente che Cittadinanza Attiva e Tribunale del diritto del malato si siano mosse notando l’inerzia dei vertici dell’Ospedale Ruggi d’Aragona in questa fase, ricordando come da ormai due anni si segnali la necessità di potenziare la divisione di malattie infettive e di rendere pienamente operativi i posti letto nelle due stanze a pressione negativa. Tutto questo, mentre si procede sempre in modo spedito e tempi rapidissimi su questioni meno urgenti – si pensi al caso del reparto doppione di Cardiochirurgia di cui ci stiamo occupando da due settimane. Altrettanta solerzia non si nota per dotare di strumenti, personale medico ed infermieristico reparti che pure meriterebbero maggiore attenzione.

Related posts