Voi siete qui
Piano straordinario della Regione Campania per fronteggiare il picco dei contagi Cronaca 

Piano straordinario della Regione Campania per fronteggiare il picco dei contagi

Il peggio deve ancora venire, è bene dirlo subito. Le previsioni evidenziano che in Campania il numero dei contagi di coronavirus, rispetto a quello attuale, sarà il doppio per fine mese e il quadruplo ad aprile. Più precisamente, si prevedono 1500 persone contagiate entro il 29 marzo e 3000 per inizio aprile, con 140 in terapia intensiva. Per fronteggiare questi numeri, la Regione Campania ha stilato un piano straordinario muovendosi su più fronti.

Un’impresa di Padova, aggiudicandosi la gara in tempi strettissimi, consegnerà tre moduli prefabbricati da 24 posti letto di terapia intensiva per Napoli, Caserta e Salerno. Poi, ogni dieci giorni, saranno realizzati altre due moduli da 24 posti per il Loreto Mare, struttura che, nel giro di trenta giorni, avrà 76 posti letto per la terapia intensiva. Il governatore Vincenzo De Luca ha chiesto anche alle Asl e alle aziende ospedaliere di raddoppiare in tempi brevi le previsioni di posti letto per ricoveri normali e per terapia intensiva e sub-intensiva.

Ci sono, però, enormi difficoltà nel reperire i ventilatori polmonari, fondamentali per la cura dei casi più gravi di covid-19. Al di là degli accordi con la Protezione Civile nazionale, con tempi troppo lunghi, la Regione Campania ha sondato il mercato internazionale e ha individuato dei fornitori cinesi acquistando 150 ventilatori polmonari. Inoltre la Regione Campania ha commissionato ad un’azienda di Nola la produzione di un milione di mascherine chirurgiche.

C’è poi un’altra necessità, quella di proteggere la salute del personale sanitario. Oltre ai tamponi, saranno effettuati dei test rapidi per garantire innanzitutto la tutela di medici ed infermieri. Con questo piano straordinario, in base ai numeri previsti, in Campania sarà possibile gestire la situazione di emergenza ma è fondamentale che tutti rispettino le regole per evitare la diffusione del contagio. Altrimenti i numeri aumenteranno e la situazione diventerà drammatica, con un calvario lungo mesi.

Related posts