Voi siete qui
Psicosi furti a Pontecagnano, cittadini esasperati Cronaca 

Psicosi furti a Pontecagnano, cittadini esasperati

E’ psicosi furti nei picentini. Pontecagnano Faiano, il comune colpito maggiormente. Decine e decine di famiglie hanno ricevuto la visita dei ladri in casa, ed ora i cittadini provano ad organizzarsi autonomamente. Gruppi whatsapp per il tam-tam delle informazioni, sono il palliativo per tentare di arginare il fenomeno. «Non appena vediamo circolare auto mai viste o facce nuove, ci scriviamo in chat» racconta una commerciante. Il moltiplicarsi dei furti, nonostante gli allarmi lanciati dalla popolazione, rende il fenomeno sempre più preoccupante e incide in maniera forte sulla qualità della vita delle famiglie, sempre più impaurite. Basta entrare in un bar per capire che la situazione è diventata insostenibile. Non si parla d’altro e i cittadini provano a difendersi restando uniti. «Abbiamo paura – ci dice una donna residente in contrada Baroncino – il 26 dicembre mi sono ritrovata i ladri sul terrazzo alle sei del pomeriggio. Mio marito gli urlato di andare via ma i tre gli hanno lanciato i sassi contro. Ora passo tutto il pomeriggio barricata in casa». «C’è stata una donna che se li è trovati nell’appartamento mentre riposava sul divano, è stata costretta a chiudersi nella stanza mentre i ladri facevano razzia di oggetti di valore e soldi» racconta un uomo. Sotto accusa sono finite l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine. I cittadini chiedono una specifica azione di controllo anche attraverso il supporto della Polizia. «Altrimenti la soluzione – ci dice un ragazzo – è farsi giustizia da soli. Di giorno non lasciamo le case e di notte restiamo svegli».

A Pontecagnano è psicosi furti, i cittadini spaventanti anche quando sono in casa

Si moltiplicano i furti, nella frazione di Faiano a Pontecagnano. Il fenomeno diventa sempre più preoccupante e incide notevolmente sulla qualità della vita delle famiglie che sono sempre più impaurite. Sotto accusa finisce anche l’amministrazione comunale.

Pubblicato da Liratv su Venerdì 10 gennaio 2020

Related posts