Voi siete qui
Regione Campania approva schema di intesa con Gesac per aeroporto di Salerno Cronaca 

Regione Campania approva schema di intesa con Gesac per aeroporto di Salerno

Arriva l’ok della Regione Campania al piano industriale per lo sviluppo degli aeroporti di Napoli e Salerno. Ieri in giunta è stato approvato lo schema di protocollo d’intesa tra Regione, Gesac e Salerno-Costa d’Amalfi, per spianare la strada agli interventi di adeguamento infrastrutturale e di ampliamento dell’Aeroporto di Salerno necessari alla costituzione di un’unica rete aeroportuale campana. Il Piano prevede un investimento complessivo di 135 milioni da realizzare entro il 2022. Le fonti di finanziamento individuate dalla delibera di giunta appaiono chiare: si parla dei Poc, i piani operativi riferibili alle annualità 2014-2020 per la parte residua di soldi non ancora spesi; poi i fondi di coesione e quelli dell’Unione europea per un totale di quasi 95 milioni di euro, cui si aggiungono i 40 milioni già stanziati dallo Sblocca Italia. Per le fonti di finanziamento nazionali parte adesso la verifica relativa alla compatibilità del loro utilizzo rispetto alle norme europee sul divieto degli aiuti di Stato. Un passaggio tecnico indispensabile che non rallenta un processo di fusione tra gli aeroporti di Napoli e Salerno, di fatto già compiuto, tanto meno la nascita di un soggetto gestore unico dei due scali saldamente nelle mani di Gesac, che incorpora la Salerno-Costa d’Amalfi con una quota di maggioranza pari almeno al 70%. Proprio Gesac aggiungerà proprie risorse ai 135 milioni di fondi pubblici per un totale di 250 milioni da investire sul rilancio dell’Aeroporto di Salerno. Dalla prossima estate partiranno gli espropri dei terreni circostanti all’attuale aerostazione, poi si procederà con il bando integrato per la progettazione e l’affidamento contestuale dei lavori per l’allungamento della pista. I cantieri dovranno aprire entro quest’anno.

 

Related posts