Voi siete qui
Regione Campania sta facendo tutto il possibile per proteggere i cittadini Cronaca 

Regione Campania sta facendo tutto il possibile per proteggere i cittadini

A tratti è il solito fiume in piena, capace di strappare un sorriso in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo e di scatenare i social. Ma per gran parte del suo intervento, Vincenzo De Luca sceglie la strada della concretezza e dei toni medi, riconoscendo al Governo un lavoro importante, dicendo che non c’è nessun conflitto con Roma, anche se dalla Protezione Civile hanno mandato mascherine che può indossare solo il “coniglietto Bugs Bunny”. Il riferimento è alla lenzuolata che già al Nord hanno definito carta igienica: ben altra cosa sono le mascherine chirurgiche, o quelle 2 e 3 con filtro, che il governatore mostra per far capire di che cosa parlava, quando ha scritto al presidente del Consiglio che in Campania era arrivato poco o niente.

«Abbiamo fatto quello che abbiamo ritenuto più utile per la tutela dei nostri cittadini- dice De Luca. So che la vita è diventata pesante, che siamo tutti sballottati. Adesso a scandire le nostre giornate ci sono solo il pranzo e la cena e a un momento iniziale di paura si sostituisce l’assuefazione. Bisogna stringere i denti ed avere fiducia. La battaglia non si vincerà a brevissimo, ma sarà vinta prima se faremo tutti i sacrifici che ci vengono richiesti», spiega il presidente. «Il Governo ha preso misure rigorose che condivido, sanzioni pesanti, ma sarebbe stato più efficace prenderle da subito queste misure. Avremmo impiegato meno tempo e avremmo stressato di meno i cittadini raggiungendo un effetto più tempestivo». E le notizie di oggi, che vedono l’Esecutivo pronto a prorogare le restrizioni fino a metà aprile, gli danno ragione, visto che De Luca- per la Campania- ha deciso già due giorni fa di confermare i divieti fino al 14 aprile.

Poi, l’affondo: «Qui in Campania dobbiamo combattere due nemici. Il primo è il virus. Il secondo sono i ‘porta seccia’, – argomenta De Luca- con un tale buco nero tra le orecchie che non consente l’uscita del pensiero. Io ho detto che senza forniture eravamo vicino al collasso, loro hanno detto che la Campania è al collasso, ma non è arrivato alcun collasso».

Il presidente campano, parlando del piano per potenziare i posti negli ospedali e del reclutamento del personale, garantisce: «ce la facciamo, al netto delle forniture che devono arrivare da Roma».

 

Related posts