Voi siete qui
Sbarco nave da Tunisi: controlli di sicurezza Cronaca 

Sbarco nave da Tunisi: controlli di sicurezza

Lavoratori e turisti bloccati in Africa da settimane hanno potuto far rientro oggi in Italia, attraccando a Salerno. Ad attenderli, un cordone di sicurezza e kit rapidi per scovare casi sospetti di Covid 19.

È partita da Tunisi di primo mattino, la nave con a bordo un centinaio di connazionali- prevalentemente turisti e lavoratori italiani in terra d’Africa- bloccati da giorni in Tunisia». Lo ha annunciato all’alba l’Ambasciata italiana sul proprio profilo Twitter, confermando l’operazione di rientro e ringraziando Grimaldi Lines, la Farnesina e tutte le Autorità statali e regionali coinvolte nell’organizzazione del rimpatrio.

Il porto scelto per l’attracco è quello di Salerno, idoneo e sicuro, dove è stato predisposto un cordone sanitario senza precedenti e sono stati approntati controlli rigidissimi per l’arrivo della nave. A bordo, oltre 100 cittadini italiani che erano rimasti bloccati in Africa a causa dell’emergenza Covid-19. Ad attenderli, sulla banchina, militari e sanitari- oltre ad ambulanze a pressione negativa messe a disposizione dall’Humanitas- per i controlli sia a bordo che a terra, dopo lo sbarco. Sono stati utilizzati kit rapidi per la diagnosi del Coronavirus.

Le operazioni sono state coordinate dalla Prefettura di Salerno e dalla Protezione Civile, la Questura, la Capitaneria di Porto e l’ASL. Una volta accertato lo stato di salute, chi sta bene è tornato a casa utilizzando esclusivamente mezzi privati.

Related posts