Caselle in Pittari: terza campagna di scavi si conclude con scoperte straordinarie

Secondo Antonia Serritella, che ha diretto la missione di scavi a Caselle in Pittari fino al luglio scorso, «il dato più significativo è l’alto numero di frammenti ceramici che recano iscrizioni, relative a numerali e antroponimi in greco e in osco, lingua quest’ultima parlata dai Lucani». E’ un dato stupefacente, perché conferma «la diffusa alfabetizzazione degli abitanti di questo centro antico e restituisce l’immagine di una comunità mista». La scoperta è di quelle sensazionali e premia le tre campagne di scavi svolte dall’équipe dell’Università di Salerno nel sito archeologico di Caselle in…

Continua