Voi siete qui
Giustizia per le 26 migranti morte: condannati i due scafisti Cronaca 

Giustizia per le 26 migranti morte: condannati i due scafisti

Dopo quasi un anno e mezzo è arrivata la condanna per i due scafisti, riconosciuti dai migranti della Cantabria, la nave spagnola che approdò nel porto di Salerno nel novembre 2017, con 26 corpi di donne morte in mare a bordo. Ognuno di loro è stato condannato a 6 anni di reclusione. Le accuse nei confronti dei due uomini sono state favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed omicidio colposo, anche se in misura minore rispetto a quelli contestati inizialmente. Infatti non tutti e 26 i decessi sono stati ricondotti ai due scafisti. Diverse le…

Continua
Insultò Alba Parietti su FB, pagherà multa per diffamazione Curiosità 

Insultò Alba Parietti su FB, pagherà multa per diffamazione

Per la Procura di Nocera Inferiore diffamò Alba Parietti, con degli insulti condivisi attraverso il suo profilo Facebook. A distanza di tre anni, per lei è stato emesso un decreto penale di condanna, e cioè una pena pecuniaria, di 280 euro. Il reato è quello di diffamazione, consumato nel 2015, con la posizione della ragazza, residente nell’Agro nocerino, valutata insieme a quella di altri utenti, dai tribunali competenti. Anche loro denunciati a piede libero dalla showgirl per il medesimo reato. Nei commenti, dal contenuto impronunciabile, la ragazza aveva offeso il decoro…

Continua
Delitto Fornelle, sconto di pena in appello per Luca Gentile Cronaca 

Delitto Fornelle, sconto di pena in appello per Luca Gentile

Sconto di pena da parte dei giudici della Corte di Appello e Assise per Luca Gentile il giovane salernitano, omicida reo confesso del padre della fidanzata Eugenio Tura De Marco nel rione Fornelle a Salerno. Sedici anni e 8 mesi è la pena comminata al 24enne dai magistrati (presidente Palumbo) a cui non è stata riconosciuta la premeditazione del delitto. In primo grado, con il rito dell’abbreviato, era stato condannato a venti anni di reclusione. Nel corso dell’udienza l’imputato ha raccontato che l’arma del delitto, il coltello, non si trova perché…

Continua
Violenza sessuale, tre arresti in Cilento Cronaca 

Violenza sessuale, tre arresti in Cilento

Tre uomini di San Mauro Cilento, condannati a 4 anni dalla Cassazione, per un episodio di violenza di 9 anni fa I carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania (diretti dal Capitano Mennato Malgieri), hanno arrestato tre uomini (rispettivamente un 48enne, un trentenne ed un trentaquattrenne) di San Mauro Cilento, perché accusati di violenza sessuale. Ad eseguire gli ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania sono stati i militari della stazione di Pollica. I fatti risalgono al 2010, quando molestarono una ragazza del luogo. Secondo…

Continua
Rigopiano, multato il papà di Stefano per aver rotto i sigilli dell’area della tragedia Cronaca 

Rigopiano, multato il papà di Stefano per aver rotto i sigilli dell’area della tragedia

Lui si difende su Fb: “Ho solo portato dei fiori dov’è morto mio figlio”. Alessio Feniello, padre di Stefano, una delle 29 vittime del disastro dell’Hotel Rigopiano di Farindola (di cui ricorre il secondo anniversario il 18 gennaio prossimo), è stato condannato dal gip del tribunale di Pescara a pagare una multa di 4.550 euro, per avere violato, il 21 maggio scorso, i sigilli giudiziari apposti per delimitare l’area nella quale si verificò la tragedia. La sentenza di condanna emessa dal giudice Elio Bongrazio, su richiesta del pm Salvatore Campochiaro,…

Continua
In malattia per 10 anni, ma non era vero. Condannato militare Cronaca 

In malattia per 10 anni, ma non era vero. Condannato militare

4 anni di reclusione e alla rimozione del grado un caporalmaggiore Il tribunale militare di Verona ha condannato a 4 anni di reclusione e alla rimozione del grado un caporalmaggiore, in servizio al Reggimento Supporto Tattico e Logistico di Solbiate Olona (Varese) rimasto assente per malattia per quasi dieci 10 anni. E’ stata attivata la procedura di recupero per gli stipendi percepiti (192mila euro). Il militare, accusato di simulazione d’infermità, truffa militare e diserzione, per 10 anni ha inviato al suo reparto centinaia di certificati medici per dolori a una…

Continua
Danneggiarono decine di auto, tutti condannati Cronaca 

Danneggiarono decine di auto, tutti condannati

Tre anni e due mesi con l’interdizione dai pubblici uffici a ciascuno dei nove autori del raid. Sparavano ai finestrini delle auto in sosta con una pistola ad aria compressa per combattere la noia. Sono stati tutti condannati, in primo grado, a tre anni e due mesi di reclusione. Applicata ai 9 ragazzi, che avevano una chat in cui si chiamavano “’O Sistema”, anche l’interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. Un anno fa, tra il 10 e l’11 ottobre, fecero un’incursione nel capoluogo sparando contro le auto in sosta,…

Continua
Diele: appello alla sentenza di condanna per omicidio stradale Cronaca 

Diele: appello alla sentenza di condanna per omicidio stradale

Si appella alla condanna ad 8 anni per omicidio stradale Domenico Diele, reo – secondo la sentenza di primo grado – di aver investito ed ucciso, poco più di un anno fa, sull’autostrada del Mare, all’altezza dello svincolo di Montecorvino Rovella la salernitana Ilaria Dilillo, che viaggiava a bordo del suo scooter. I periti del gup Piero Indinnimeo hanno attestato che Diele in occasione dell’incidente viaggiava in stato di alterazione da uso di cannabinoidi. La richiesta di revisione della condanna da parte dei legali dell’attore è incentrata sulle valutazione (a dire…

Continua
Diele:  7 anni ed 8 mesi per omicidio stradale Cronaca 

Diele: 7 anni ed 8 mesi per omicidio stradale

Domenico Diele è stato condannato a sette anni e 8 mesi per omicidio stradale. La sentenza è stata emessa oggi dal gup del Tribunale di Salerno Piero Indinnimeo. Nella notte tra il 23 e il 24 giugno 2017, l’attore – che si era messo alla guida della sua Audi A3 in stato di alterazione psicofisica a causa dell’uso di stupefacenti – travolse e uccise la 48enne salernitana Ilaria Dilillo, che era a bordo del suo scooter lungo la corsia nord dell’autostrada del Mediterraneo nei pressi dell’uscita autostradale di Montecorvino Pugliano….

Continua
Condannato assassino della prostituta trovata morta a Pagani un anno fa Cronaca 

Condannato assassino della prostituta trovata morta a Pagani un anno fa

Carmine Ferrante è l’omicida della prostituta bulgara Nikolova Temenuzhka, trovata senza vita a Pagani, nei pressi del cimitero, il 19 agosto del 2016. Lo ha stabilito la sentenza del giudice Scermino, al termine del rito abbreviato richiesto dalla difesa del manovale di Vietri sul mare, guidata dall’avvocato Agostino De Caro. Vent’anni di reclusione, questa la pena, arrivata dopo l’ottenimento da parte del pm Cacciapuoti del giudizio immediato vista la chiara ricostruzione dell’intera linea di prova che ha acclarato la responsabilità di Carmine Ferrante. Secondo quanto appurato in sede di indagini…

Continua