Voi siete qui
Doppia Cardiochirurgia: le preoccupazioni della Cgil fp di Salerno Cronaca 

Doppia Cardiochirurgia: le preoccupazioni della Cgil fp di Salerno

Anche la CGIL Funzione Pubblica rappresenta alla struttura commissariale del Ruggi la forte preoccupazione per il futuro del centro di procreazione assistita di primo livello. Un progetto – tra l’altro – riconosciuto dalla Regione Campania e sostenuto da finanziamenti regionali. Ora che il commissario Vincenzo D’Amato ha scelto di allestire in quei locali il doppio di Cardiochirurgia da consegnare al dottore Enrico Coscioni, non si capisce come ciò sia compatibile con l’individuazione di quegli spazi come la naturale continuità con la sala operatoria di ginecologia. Finora, ricorda la Cgil a…

Continua
Ospedale Ruggi: rimane opinabile scelta doppia Cardiochirurgia al 3° piano della Torre Cronaca 

Ospedale Ruggi: rimane opinabile scelta doppia Cardiochirurgia al 3° piano della Torre

Nel piano triennale sul fabbisogno di personale all’Ospedale Ruggi figura la necessità di assumere fino a 100 unità di personale per lenire la carenza cronica di infermieri. È un dato che dovrebbe fa riflettere, soprattutto quando si programma la creazione di un nuovo reparto come quello di Cardiochirurgia da affidare al dottore Enrico Coscioni. Beninteso, lo sdoppiamento della divisione cardiochirurgica di Salerno è previsto dal piano ospedaliero. Ma è lecito chiedersi l’utilità di un doppione che tra l’altro non ha una proiezione accademica (entrambi i reparti saranno ospedalieri); e che…

Continua
Ruggi, intervento rivoluzionario dell’equipe di Severino Iesu Cronaca Curiosità 

Ruggi, intervento rivoluzionario dell’equipe di Severino Iesu

L’eccezionale procedura utilizzata per operare un paziente di 71 anni cui non era stata data alcuna speranza altrove, sarà presentata come “Made in Salerno” nei prossimi congressi di cardiochirurgia e cardiologia di respiro mondiale. L’azienda ospedaliero universitaria di Salerno rende noto con orgoglio il successo di una tecnica operatoria mai utilizzata prima per salvare la vita ad un uomo proveniente da un altro paese dell’Unione Europea, giunto a Salerno per il classico viaggio della speranza. 71 anni, affetto da una grave malattia cardiaca che coinvolgeva tre valvole, questo paziente prima…

Continua
Ragazza morta al Ruggi dopo operazione al cuore, padre parla al Mattino Cronaca 

Ragazza morta al Ruggi dopo operazione al cuore, padre parla al Mattino

Si chiamava Lucia, la ragazza di diciassette anni morta all’Ospedale Ruggi due giorni dopo aver subito un doppio intervento al cuore, nel reparto di cardiochirurgia diretto da Enrico Coscioni. Tra meno di due settimane, Lucia sarebbe diventata maggiorenne: a Cava de’ Tirreni, dove abitava, tutto era pronto per festeggiarla. Solare, sorridente come appare su alcune foto pubblicate dal Mattino oggi in edicola, questa ragazza amava recitare. Frequentava a Caserta la scuola del Pendolo. Lì è di casa la mamma, mentre il papà è rimasto a Cava dopo la separazione dalla…

Continua
L’ultimo dono di Valentina: a sei bambini gli organi espiantati alla quindicenne di Mercato S.Severino Cronaca 

L’ultimo dono di Valentina: a sei bambini gli organi espiantati alla quindicenne di Mercato S.Severino

Il cuore, i reni, il fegato ed il pancreas di Valentina, la quindicenne morta in seguito alle lesioni riportate giovedì in un incidente stradale, sono stati donati. Lo ha reso noto la direzione generale dell’AOU Ruggi, dove la ragazzina era ricoverata dal giorno dell’impatto. Giunta in ospedale politraumatizzata, con un ematoma subdurale ed una vasta emorragia subaracnoidea è stata ricoverata in Rianimazione in prognosi riservata. Ieri mattina l‘elettroencefalogramma è risultato piatto, ed i genitori, nonostante il dolore per la perdita della figlia, hanno voluto compiere un gesto di grande altruismo consentendo il…

Continua
Espianto multiorgano all’ospedale Ruggi nel giorno di Pasqua Cronaca 

Espianto multiorgano all’ospedale Ruggi nel giorno di Pasqua

La storia di Pasqua è una bella storia d’amore, addirittura di Resurrezione come scrivono nella nota diramata dall’Azienda ospedaliera universitaria di Salerno. Perché grazie ad un uomo di 48 anni, ricoverato da giorni per un ictus massivo senza speranze, altre persone sono tornate a vivere. Nel giorno di Pasqua quest’uomo, che aveva accanto a sé la moglie e la figlia la cui generosità è stata immediata, ha donato il cuore, il fegato e le cornee. Il muscolo cardiaco è stato prelevato da una equipe chirurgica di Padova, atterrata all’aeroporto di…

Continua